All’estero è una tradizione, da noi è solo business, senz’anima e senza passione. Capita, quando ci si limita ad importare ricette altrui pensando che l’erba del vicino sia sempre più bella. Il Boxing day all’italiana è stato un pacco: stadi mezzi vuoti, con una media spettatori addirittura inferiore a quella stagionale, partite non entusiasmanti. A festeggiare sono solo le pay-tv che lo hanno voluto e ora passano all’incasso.

Per la prima volta a distanza di quasi mezzo secolo la Serie A è tornata a giocare nel giorno di Santo Stefano. Già negli scorsi anni c’erano stati passi in questa direzione: la prima era stata la Serie B (che a un certo punto si era messa a giocare addirittura alla vigilia di Natale, altra scelta scellerata), poi era venuto il turno prima di Capodanno, adesso siamo arrivati al sospirato Boxing day. Peccato che i risultati siano andati molto lontani dalle promesse di stadi gremiti di tifosi festanti.

Lo dicono i numeri: la 18esima giornata di Serie A ha fatto registrare una media di 25.405 spettatori. È un dato assolutamente in linea con la media stagionale, anzi leggermente inferiore (prima del Boxing day eravamo sopra quota 25.500). Nonostante le feste, nonostante biglietti venduti spesso a prezzi stracciati proprio per favorire la maggior affluenza, nonostante la presenza di partite di cartello non c’è stato il boom che tutti si aspettavano. Inter-Napoli, il big match di giornata, si è attestato a quota 63mila spettatori (come un Inter-Frosinone qualsiasi); ma anche le altre piazze medio-grandi (Roma, Bologna, Firenze, Torino) hanno fatto tutte risultati normali o mediocri.

C’è qualcuno che invece ha stappato davvero: le pay-tv, tanto per cambiare. Sky sì che può dire di aver centrato il suo obiettivo:  oltre 670mila di spettatori medi nel corso della giornata e 6% di share, punte di oltre 2 milioni di spettatori e 9% di share nel corso della prima serata con Inter-Napoli. Si dirà che è inutile fare i nostalgici, che ormai questo è il futuro del calcio moderno e fanno tutti così. Vero, ma fino a un certo punto: non si gioca in Spagna, Francia, Germania e nei principali campionati europei. Il calcio a Natale è una tradizione solo in Inghilterra, dove ha antiche e motivate radici, e per sport diversi (l’Nba) negli Stati Uniti.  La differenza si vede.

Questo fa capire il Boxing day è un regalo solo per le pay-tv (che d’altra parte ormai decidono i calendari a piacimento, come dimostra l’ultima follia di Milan-Bologna giocata di martedì sera). Non per i tifosi, che come visto vanno allo stadio né più né meno che in una domenica qualsiasi, dovendo pure rinunciare alle tradizioni natalizie (queste nostre davvero). E nemmeno per il calcio italiano: le squadre ci arrivano “spompate”, con mille infortuni e l’obbligo di allungare di altri giorni dieci giorni fino all’agognata sosta invernale; gli stadi non si riempiono come promesso.

L’unico concreto vantaggio, quello di far coincidere la pausa col calciomercato, è stato annullato vista la decisione di Lega e Figc di posticipare dal 18 al 31 gennaio la chiusura dei trasferimenti (anche qui su pressione di alcuni presidenti e proprio delle televisioni, che dai soliti e inutili programmi sul mercato guadagnano bene). Insomma, il primo Boxing day della Serie A non è stato proprio un successo. Purtroppo verrà ricordato solo per una tragedia, la morte dell’ultrà Daniele Belardinelli, che col calcio non c’entra proprio nulla.

Twitter: @lVendemiale

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Inter-Napoli, una partita decisa dal razzismo: l’arbitro espelle Koulibaly ma non sospende la gara dopo gli ululati

next