Una frattura eruttiva si è aperta stamattina sull’Etna alla base del cratere di sud-est, dove è in corso un’attività esplosiva. Dal vulcano si è alzata una nube di cenere visibile da tutta Catania. I sensori dell’Istituto di Geofisica e Vulcanologia hanno registrato, intorno alle 8.50, uno sciame sismico di 130 scosse, la più forte delle quali ha superato magnitudo 4, dopo le ore 13, a una profondità di due chilometri nella zona di Piano Pernicana, sul fianco nord-est. L’attività di degassamento ha interessato tre delle cinque bocche attive del vulcano. Inizialmente si sono infatti registrate sporadiche emissioni di cenere sia dalla Bocca Nuova sia dal cratere di nord-est, culminate verso le 12 in un denso e continuo pennacchio di cenere scura.
Dalle 14, e per poco più di un’ora, è stato chiuso l’aeroporto della città su decisione dell’unità di crisi. I voli in arrivo sono stati dirottati su altri scali.

Video Twitter

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giovanni Muciaccia (Art Attack) ironizza su Di Maio e la sua lista. Poi scherza: “Io sulla Fornero ho un attacco d’arte”

prev
Articolo Successivo

Etna, aeroporto di Catania chiuso per un’ora. Ingv: “Dalle 9 le scosse sono state 130”

next