Lunedì scorso ho partecipato all’assemblea della facoltà di Farmacia e Medicina e ho ascoltato una relazione tenuta dal dottor Giorgio Casati, direttore generale della Asl di Latina. L’Università Sapienza tiene corsi di Laurea presso il Polo Pontino, in tutta la provincia di Latina, e io stesso ho un insegnamento a Gaeta. Nella sua relazione il dottor Casati ha presentato con grande competenza e pacatezza un quadro piuttosto drammatico. La provincia di Latina ospita circa 500mila cittadini. In linea con la statistica nazionale, il 30% dei cittadini della provincia ha una età superiore ai 65 anni e le proiezioni indicano che nei prossimi 15 anni questa percentuale salirà ulteriormente. Il 40% è portatore di una o più patologie croniche che richiedono terapie quotidiane, talvolta economiche, più spesso costose. La provincia si estende in lunghezza per oltre 100 km e il territorio include aree costiere e montane nonché le isole pontine due delle quali sono permanentemente abitate. Questi dati danno un’idea dei problemi che la gestione del diritto alla salute comporta e ovviamente dei suoi costi: illustrano un problema che è scritto nei fatti.

Mentre ascoltavo questa relazione non potevo non notare che l’analisi dei problemi fattuali è scomparsa dal panorama politico del Paese e in particolare dall’orizzonte dei partiti attualmente al governo. Un funzionario competente conosce benissimo e illustra chiaramente problemi che il politico ignora o nasconde. Mai nella sua carriera politico-artistica Beppe Grillo ha menzionato problemi fattuali, se non ridicolizzandoli, e mai lo ha fatto nessun esponente di spicco del M5S o della Lega. Ogni problema sociale è stato derubricato da fattuale a giudiziario: anziché cercare una soluzione sono stati cercati dei colpevoli, fossero essi i migranti o i funzionari corrotti. Se è ovvio che i reati devono essere perseguiti dalla magistratura, è altrettanto ovvio che la condanna degli eventuali colpevoli non risolve i problemi fattuali e che il giusto e doveroso recupero di risorse pubbliche che può derivare dal lavoro della magistratura è modesto rispetto al fabbisogno del sistema e alle risorse ad esso destinate. Nessun partito politico ha diffuso una stima di ciò che dovrebbe costare un sistema sanitario (o un qualunque altro servizio pubblico) onesto ed efficientemente gestito: di quale sia cioè l’obiettivo da perseguire; però di certo già oggi l’Italia spende in Sanità e altri servizi meno della media europea, ed è molto dubbio che vi siano grandi margini di razionalizzazione.

Purtroppo le analisi dei problemi fattuali dello Stato non portano voti e non sono adatte alla violenta propaganda che ha caratterizzato fino a oggi i partiti dell’attuale maggioranza: molti elettori preferiscono scandalizzarsi piuttosto che ragionare. Lo scandalismo però non fa scomparire i fatti, non guarisce i malati cronici e non ringiovanisce gli anziani. Le recenti dimissioni del professor Ricciardi da presidente dell’Istituto superiore di Sanità mi sembra debbano essere lette in questa ottica: l’insensibilità del governo in carica nei confronti dei problemi fattuali della Sanità.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Natale in Terra dei Fuochi, la strage degli innocenti duemila anni dopo

prev
Articolo Successivo

Premiato l’artista Eron, ma il writer fa salire sul palco l’ambulante senegalese: colpo di scena al Sigismondo d’Oro

next