Zero assunzioni. Il 2018 non sarà ricordato come un grande anno per il sostegno nella scuola italiana: per la prima volta dopo lungo tempo, il rapporto tra studenti disabili e docenti è tornato a salire; non succedeva dal 2011. Nell’anno scolastico in corso negli istituti del nostro Paese c’è un insegnante di sostegno ogni 1,73 studenti: nel 2017 la proporzione era di 1 ogni 1,69. Una piccola variazione che mette però in evidenza una tendenza negativa e fa scattare un campanello d’allarme: significa meno ore di assistenza, meno aiuto a chi ne avrebbe bisogno, semplicemente meno inclusione. “Il nostro sistema ha fatto grandi passi avanti rispetto al passato, basti pensare che negli ultimi dieci anni i posti di sostegno sono quasi raddoppiati, ma alcuni problemi sembrano irrisolvibili”, spiega Salvatore Nocera della Fish (Federazione italiana per il sostegno dell’handicap). “La verità è che nessuno ha ancora capito come risolvere la questione delle deroghe, mentre continuano a mancare i docenti specializzati sul sostegno per cui noi chiediamo la separazione delle carriere rispetto agli insegnanti comuni: la situazione è invariata”.

IL TALLONE D’ACHILLE: LA CARENZA DI PERSONALE – Ogni anno infatti la stessa storia: tante cattedre scoperte, troppi supplenti, professori che entrano ed escono dalle classi. E a pagare sono gli studenti, soprattutto quelli disabili che più di ogni altra cosa avrebbero bisogno di stabilità. Eppure il sistema di sostegno italiano è all’avanguardia, invidiato in tutta Europa per il suo modello inclusivo, che cerca il più possibile di integrare l’alunno portatore di handicap nella classe e nel suo percorso formativo, mentre altrove la separazione è molto più netta (e in certi casi proprio fisica, con l’inserimento in classi speciali a rischio “ghetto”). Basterebbe poco per il salto di qualità definitivo, ma il problema è sempre lo stesso: la carenza di personale. Non ci sono tutti gli insegnanti di cui ci sarebbe bisogno, spesso in cattedra finiscono maestre e professori non specializzati. E questo ha una serie di ovvie ricadute negative sul sistema.

 

I DATI DELLA CGIL: NEL 2018 ZERO ASSUNZIONI IN PIÙ, SOLO SUPPLENZE –  Lo dimostrano gli ultimi dati della Flc Cgil. Aumentano gli alunni che hanno bisogno di sostegno: non perché ci siano più disabili, ma perché c’è più attenzione nelle certificazioni; questo è un dato positivo. Aumentano anche i docenti, ma non abbastanza, o comunque non con la stessa velocità. Nel 2018/2019 gli studenti disabili sono 245.723 (record storico, nel 2017 erano 234.658); anche i docenti di sostegno sono passati da 138.849 a 141.412, ma l’incremento non è stato sufficiente a far fronte alla maggiore richiesta. C’è dell’altro: questi 2.563 posti in più che si sono creati sono stati assegnati tutti a dei supplenti. Vuol dire che quest’anno il Ministero non ha effettuato neanche un’assunzione in più rispetto all’organico.

EMERGENZA “DEROGHE”: IL 75% DELLE CATTEDRE A DOCENTI NON SPECIALIZZATI – Su 140 mila posti totali, ben 40 mila (il 28,5 %) sono “in deroga”: si tratta cioè di posti “extra”, aggiunti ad anno in corso perché ci si rende conto che la pianta organica non è sufficiente per mandare avanti le scuole. In molti casi sono gli stessi uffici regionali, sulla base delle richieste degli istituti e della giurisprudenza, ad aggiungere ore; in altri sono i tribunali ad accogliere i ricorsi delle famiglie e a costringere l’amministrazione a provvedere. Sta di fatto che per la loro natura “straordinaria” queste cattedre vengono calcolate di anno in anno e non possono essere coperti in maniera stabile ma solo con contratti provvisori. È uno dei problemi principali del nostro sistema: il ministero contava di risolverlo rivedendo le certificazioni, ma l’attesa (e criticata) riforma del sostegno è stata stoppata dal nuovo governo. Così i supplenti restano troppi: tra i 40 mila posti in deroga, e quelli ordinari che pure non vengono coperti, nel 2017/2018 sono stati quasi 70mila. E supplenza nel sostegno vuol dire sempre discontinuità didattica, spesso anche poca preparazione: secondo un dossier elaborato dalla Cisl, il 75% delle supplenze vanno a docenti non specializzati (che non hanno cioè il titolo specifico per fare gli insegnanti di sostegno).

LA MOSSA DEL MINISTERO: NUOVO BANDO DA 40 MILA POSTI – I sindacati chiedono un piano straordinario contro il precariato, ma almeno per il sostegno la situazione è un po’ particolare: non è solo che non ci sono i soldi per assumere più docenti, è proprio che non ci sono docenti specializzati da assumere. Vuoi perché la specializzazione è un titolo piuttosto recente, vuoi perché storicamente i docenti dopo qualche anno tendono a chiedere il trasferimento dal sostegno al posto comune, la riserva è quasi nulla: ecco perché anche quest’anno delle 13.329 immissioni in ruolo ne sono state effettuate appena 1.682 (il 12,6%). Infatti la prossima mossa del ministro Bussetti sarà far partire un corso di specializzazione da 40 mila posti: il bando è atteso già a inizio 2019 e dovrebbe portare ad avere nei prossimi  3 anni una nuova generazione di maestri e professori di sostegno. Poi però ci vorrà anche un concorso per assumerli: la scuola italiana ha bisogno di loro.

Twitter: @lVendemiale

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Manovra, assunzioni bloccate in università. Ai miei studenti dico: fuggite o lasciate ogni speranza

next
Articolo Successivo

Insegnanti sostegno, governo blocca la riforma Renzi e riparte da zero. Ma a gennaio è rischio cortocircuito

next