Prima, dopo e soprattutto durante. Dalla ricerca del regalo perfetto allo scatto per la cartolina d’auguri alla nonna fino al tracciamento di ogni pacco col fiocco rosso: gli smartphone sono sempre più i protagonisti del Natale 2018, non solo come presente da scartare ma anche come fedele compagno di viaggio da qui fino al 25 dicembre. Ecco quindi qualche app imprescindibile per avvicinarsi e festeggiare al meglio il giorno più atteso dell’anno.

Dove cercare
Come una maratona, anche il Natale è una corsa lunga e divertente e come in ogni percorso ci sono degli step da seguire. Il primo è la scelta del regalo. Gli store online offrono diverse soluzioni per frugare nella rete alla ricerca della perfezione. Se ciò che vogliamo impacchettare ha un profilo tecnologico e non vogliamo spendere troppo allora il dito dovrebbe ricadere su due app: Geek, che con il suo enorme store spazia dalle cuffie agli smartwatch e GearBest, spesso autore di offerte anche quotidiane. Al contrario, se si è alla ricerca di qualcosa di più retrò, ecco Vintag, l’app di social shopping dove poter scegliere tra prodotti e oggetti in stile vintage. Tra le app più gettonate dove trovare qualche idea un po’ più generica c’è sicuramente Depop, un marketplace dove trovare non solo vestiti, gioielli o oggetti d’arte ma anche suggerimenti e consigli grazie ad una community di oltre 7 milioni di utenti. Ovviamente, grande fonte d’ispirazione lo sono anche le app legate ai colossi dell’e-commerce come Amazon, Ebay e Privalia.

Natale 2018, ecco le app migliori per “semplificare” il periodo delle feste

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

X Factor 12, Anastasio: “Non sono fascista, tutta fuffa. I like a certi post li ho messi io ma vuol dire solo che ho letto”

prev
Articolo Successivo

Monica Bellucci, ecco chi è il suo nuovo fidanzato (che ricorda Vincent Cassel da giovane e ha 18 anni meno di lei)

next