Chi ha letto i libri del ciclo de L’Amica Geniale, guardando la serie televisiva su Rai 1 si è accorto di un “taglio” messo in atto da mamma Rai. Nel secondo episodio in onda l’11 dicembre, intitolato L’Isola, uno dei momenti più drammatici del primo libro della tetralogia scritta da Elena Ferrante è stato tagliato con l’accetta.

Nel libro il personaggio della sedicenne Lenù (Elena) viene baciata e toccata – contro la sua volontà – dall’adulto Donato, che fino ad allora si era rapportato a lei come un padre. Insomma, una vera e propria molestia che nel romanzo arriva inaspettata e colpisce come un pugno allo stomaco, anche a causa degli inevitabili risvolti che ha nel corso della storia. Eppure la scena, pur essendo stata girata dal regista Saverio Costanzo, non è mai andata in onda su Rai 1. Perché? I vertici del servizio pubblico, contattati da La Stampa, parlano di tutela nei confronti del pubblico e rifiutano l’idea di censura.

L’episodio della serie – prodotta da Lorenzo Mieli e Mario Gianani per Wildside e Domenico Procacci per Fandango – è andato in onda integralmente negli Stati Uniti sull’emittente Hbo (il 4 dicembre), e anche sulla piattaforma online TimVision si può vedere la scena – che dura qualche secondo – senza tagli. La versione originale mostra la mano di Donato Sarratore insistere sulle gambe della giovane protagonista, fino a cercare di provocarle piacere.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gerry Scotti, lo “zio” della tv che non delude mai. E niente scandali per lui: “Se non mi avete mai beccato con una Letterina vuol dire che…”

next