Italiani, un popolo di santi, poeti e navigatori. E anche di taroccatori di contachilometri: lo dice uno studio commissionato dal Parlamento Europeo, spiegando che il giro d’affari delle auto col chilometraggio manomesso vale 9 miliardi di euro nel vecchio continente: di questi, due sono generati in Italia. Cifra che ci mette al primo posto di questa classifica negativa.

Purtroppo questo malcostume è ancora molto diffuso e, al momento, non esistono strumenti per potersi difendere a dovere: l’arrivo delle revisioni certificate con su riportato il chilometraggio originale dell’auto (inviato poi ai database della motorizzazione), non avrà effetti significativi prima di qualche anno. Fermo restando che se il veicolo viene venduto entro i quattro anni dalla prima immatricolazione, dei chilometri percorsi realmente non rimane traccia. Mentre il libretto dei tagliandi può essere falsificato: in questo senso, meglio puntare su vetture che abbiano fatto manutenzione presso la rete di assistenza ufficiale del costruttore, che tiene in archivio tutti i dati e gli interventi effettuati sul mezzo.

“Scaricare” il chilometraggio totale, come è facile intuire, serve per poter rivendere il veicolo a un prezzo superiore: si tratta quindi di una truffa vera e propria, frode in commercio se a manomettere gli strumenti è un rivenditore di automobili. Pertanto il reato è punibile dalla legge con la reclusione fino a tre anni e una multa fino a 2.065 euro. Tuttavia è difficile provare la colpevolezza per chi denuncia, senza contare le lunghe tempistiche di risoluzione e le spese legali: argomenti in cui “sguazzano” i manomissori.

Risulta comunque utile sapere che i veicoli di recente fabbricazione possiedono un contachilometri virtuale installato in una centralina elettronica, difficilmente alterabile. Negli altri casi, invece, meglio acquistare l’auto da persone di fiducia o farla accuratamente visionare dal proprio meccanico prima di chiudere l’affare: solo l’occhio dell’esperto, infatti, può riconoscere dettagli in grado di svelare l’età chilometrica del veicolo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Volkswagen, in Germania venduti come usati modelli di pre-produzione

prev
Articolo Successivo

Targhe estere, i cittadini rumeni si ribellano alla stretta del Decreto Sicurezza

next