Ho sempre avuto una spontanea, sincera, epidermica avversione per i mercatini di Natale. Dove – sia ben chiaro – il Natale non c’entra nulla. Sono i mercati che mi danno l’orticaria: di Natale o super, di rione o folcloristici, mi ci trovo a disagio, mi ci confondo, ci perdo la bussola – soldi no, perché tanto non compro nulla. Ma adesso che i mercatini di Natale paiono essere l’obiettivo privilegiato dei terroristi fatti in casa, o in carcere, dei Paesi nostri, mi sa che ci andrò a fare un giro. Così come cerco di essere in Francia il 14 luglio – per un concerto di Ariana Grande non sono ancora pronto, ma forse va bene anche uno show di vecchie glorie anni Sessanta.

Perché non basta più dire – credo – che i terroristi, di qualsiasi sigla, scuola, ideologia, religione siano, non ci indurranno a cambiare le nostre abitudini: ché, se lo facessimo, gliela daremmo già vinta. È tempo – credo – che cambiamo le nostre abitudini per sfidarli sul loro terreno, la paura, e per batterli con una loro arma, l’imprevedibilità. Certo, sarebbe meglio se ci abbinassimo pure un pizzico d’efficienza in più delle forze di sicurezza: non le nostre – finora inappuntabili, dati alla mano – ma le francesi, belghe, tedesche e quant’altro. Possibile che ‘sti terroristi, cellule o cani sciolti o lupi solitari, siano (quasi) sempre noti alla polizia e che riescano, comunque, ad agire e magari pure a fuggire?

L’attacco di Strasburgo, nella sua tragicità, e finora nella sua indeterminatezza – il killer, che forse non era solo, in fuga; il bilancio delle vittime incerto; le circostanze, se azione improvvisata o organizzata, non chiare – risveglia, nell’opinione pubblica europea, la percezione del pericolo, che s’era un po’ attenuata lungo tutto il 2018, un anno molto meno segnato dalla scia di sangue del 2016 e del 2017. E cumula elementi fattuali e simbolici: Natale a parte, morti e feriti di diversa nazionalità, nella città che è simbolo di pace tra Francia e Germania, d’integrazione europea, di diritti umani (oltre che del Parlamento europeo, è la sede della Corte europea dei diritti dell’uomo).

Sconfitto e dissoltosi tra Iraq e Siria il sedicente Stato islamico, l’Isis, e sbandatisi tra Afghanistan e Africa sub-sahariana i suoi miliziani, avevamo paventato che i foreign fighters tornassero a casa e colpissero qui da noi, scaricando fanatismo e frustrazione. Non è sostanzialmente successo: il che può averci dato una sensazione di sicurezza, i cui segni si coglievano nei controlli meno meticolosi negli aeroporti, per esempio, e nella rilassatezza degli operatori di fronte a fattori d’allarme – comportamenti anomali, bagagli o oggetti incustoditi, auto parcheggiate in modo improprio.

Gli spari nella sera di Strasburgo, fredda e fino a quel momento festosa, non ci faranno ripiombare nel clima un po’ plumbeo del Natale 2016, ma ci restituiscono l’ansia della consapevolezza che la minaccia non è stata del tutto eradicata, che il pericolo sussiste. Stasera vado a un mercatino. E, magari, mi prendo un pretzel. Ma mi guardo pure intorno. Tanto, le bancarelle non m’interessano.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attentato Strasburgo, 3 morti. Killer in fuga: “Gridava Allah Akbar”. Salvini: “Italiano in condizioni critiche” – LA DIRETTA

next