“Offro il doppio di qualunque cifra possa offrire Silvio Berlusconi per l’acquisto di parlamentari in saldo”. Un post pubblicato sulla pagina Facebook di Beppe Grillo riaccende il caso di Matteo Dall’Osso, l’ex deputato del M5s passato a Forza Italia venerdì scorso. Infatti il parlamentare malato di Sla, anche se non direttamente citato da Grillo, si è sentito chiamato in causa e ha risposto: “Beppe ti voglio bene, ricomprarmi al doppio, ovvero zero centesimi, ma con tutto il cuore del mondo”.

“Mi dispiace davvero tremendamente che Beppe possa anche solo pensare una cosa del genere”, ha commentato Dall’Osso. “Ma sappia – ha proseguito – che il presidente Berlusconi non mi ha dato nulla, solo rispetto e libertà” mentre Grillo “in tutti questi mesi l’unica cosa che è riuscito a dire sulla disabilità è stata l’infelice battuta sulla sindrome di Asperger“. Una battuta, ricorda Dall’Osso, detta in occasione di Italia 5 Stelle, vale a dire, ha sottolineato, “la festa nazionale del M5s”. “Mi spiace che per accendere la luce sulla disabilità io sia dovuto arrivare ad un gesto così forte, con tutte le pesanti conseguenze che sto subendo”, ha concluso il deputato.

Lo scontro e il successivo passaggio a Forza Italia, annunciato in un’intervista a Il Giornale, si era consumato attorno a 30 milioni di euro chiesti da Dall’Osso in commissione Bilancio per “innovazione tecnologica delle strutture, contrassegno e segnaletica per la mobilità delle persone con disabilità”. “Mi sono sentito solo, in parte tradito, umiliato. E mi sono sentito disabile. Mi hanno trattato male”, aveva detto l’ex M5s.

I Cinquestelle prevedono una penale da 100mila euro in caso di abbandono del gruppo parlamentare, oltre all’obbligo di “versare i soldi delle restituzioni”. “Voglio prima capire cosa è successo – aveva spiegato il vicepremier Luigi Di Maio sulla questione – Matteo è quanto di più lontano ci sia da Forza Italia”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

FqMillennium, a “Più libri più liberi” si parla di euroburocrati e sovranisti. Schlein: “In Ue paradisi fiscali senza palme”

prev
Articolo Successivo

Caro Matteo Renzi, finalmente glielo posso dire: grazie

next