Quiz. Chi è che ha postato questa foto su Twitter?

A- Un influencer? No. Un vero influencer cita i brand che compaiono in un post, e fin qui ci siamo. Ma c’è una cosa che un vero influencer non farebbe mai: mostrare un piatto tutto sporco di sugo ai bordi, buttato lì in un tavolo senza tovaglia, decisamente brutto, ma molto brutto, a vedersi. Tra l’altro con due strani rametti rossi che sputano sulla sinistra del tavolino: forse è meglio non sapere che sono.

B- Uno studente fuorisede? No. Un vero studente fuorisede usa sì il ragù Star e magari ci beve insieme un bicchiere di vinello rosso. Ma il parmigiano sopra la pasta ce lo gratta e non lo mette a tocchetti come fosse emmentaler (altrimenti, cosa sono quei cubi bianchi che spuntano in mezzo al piatto? Di nuovo, meglio non sapere). Che poi, va detto che, oggi come oggi, lo studente fuorisede ha imparato a cucinare bene e se proprio va di fretta mangia ‘pasta con tonno’.

C- Un testimonial dell’Italia nel mondo? Niet. Un vero testimonial dell’Italia nel mondo saprebbe che uno dei marchi citati è spagnolo.

D- Un uomo single sui 45 anni che vive da solo e fa una vita frenetica? Forse. Ma di sicuro uno di quelli da inserire nella ‘lista nera degli appuntamenti’: questo sembra uno che ti porta fuori a cena ma si porta pure il ragù da casa e lo fa versare dal cuoco negli spaghetti bianchi. Sarà pure buono il ragù pronto eh, ma quello fatto in casa di più. E poi te la immagini la scena di lui che tira fuori il barattolo dalla 24 ore e lo porge al cameriere? Manco ne Gli occhi del Cuore.

E- Ministro dell’Interno? Sì. Ehm… Diciamolo con le parole di uno dei tanti commentatori che non hanno gradito molto l’estetica dello scatto: “Ma che è sta pecionata? Co tutte le ditate de unto sul piano cottura. I pezzi sani de formaggio sopra poi sò il tocco de classe finale”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Successivo

Marisa Papen, la modella belga ancora nuda sotto le finestre del Papa: ma stavolta arriva la denuncia

next