Lenovo dovrà pagare più di 7,3 milioni di dollari di risarcimento per avere messo in vendita notebook che contenevano un software malevolo. La vicenda risale al 2015, quando molti utenti Lenovo si sono accorti che sui loro computer appena comprati era installato Superfish VisualDiscovery, un insidioso adware che avrebbe potuto persino rendere possibile un attacco man-in-the-middle. Per chiarezza, un adware è un programma fatto per raccogliere informazioni sulle operazioni effettuate dall’utente e usarle per visualizzare contenuti pubblicitari mirati. Man-in-the-middle, invece, identifica un tipo di attacco informatico in cui qualcuno spia la comunicazione fra due parti.

Superfish è finito nella rosa dei programmi preinstallati in fabbrica su quasi 800.000 portatili venduti negli Stati Uniti tra settembre 2014 e febbraio 2015. Il software in questione fu subito rimosso dai computer in vendita, e Lenovo pubblicò uno strumento per la sua rimozione automatica dai PC già venduti. Ma non bastò.

Foto: Depositphotos

 

Un’azione legale collettiva (class action) portò Lenovo a patteggiare con la Federal Trade Commission statunitense un risarcimento di 3,5 milioni di dollari. Oltre a promettere solennemente che nei prossimi 20 anni l’azienda si accerterà di avere il consenso dei clienti prima di installare software che potrebbero violare la loro privacy. La questione sembrava chiusa, invece è notizia di oggi che la Corte distrettuale degli Stati Uniti per il Northern District della California ha autorizzato un pagamento pari a 7,3 milioni di dollari, spese legali escluse, per 27 azioni legali collettive.

Secondo i periti del tribunale, Superfish avrebbe potuto “accedere ai numeri di previdenza sociale dei clienti, ai dati finanziari e alle informazioni sensibili sulla salute”. Lenovo non si era resa conto della pericolosità del software, evitando di applicare un controllo approfondito sulle sue funzioni che avrebbe permesso di evitare questa clamorosa sconfitta, anche giudiziaria.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Se i videogiochi si progettano da soli, non resta che divertirsi

next
Articolo Successivo

Smartphone Wiko View2 Go: costa 130 euro e ha una buona autonomia, ma non brilla nelle foto

next