Nvidia, società che produce schede grafiche e hardware dedicato all’intelligenza artificiale, ha dimostrato la possibilità di creare un videogioco in modo quasi totalmente automatico. La demo che hanno realizzato è semplice, anzi apparirebbe grezza a qualsiasi amante dei videogiochi. Ma è ammirevole se si pensa che l’ha fatta un computer quasi tutto da solo.

Prima di tutto gli scienziati hanno sviluppato un algoritmo di tipo GAN (Generative Adversarial Network) e lo hanno addestrato sfruttando gli stessi video usati per addestrare le intelligenze artificiali dei veicoli a guida autonoma. L’algoritmo ha poi generato nuovi elementi grafici (edifici, auto, segnali stradali, etc.), e li ha inseriti in una mappa creata dal personale umano.

Il risultato è un gioco semplicissimo, nel quale il giocatore può guidare un’auto in uno spazio di qualche isolato. Può sembrare poco, ma è un grande risultato se si considera che è stato fatto automaticamente. Questo progetto è al momento ricerca pura, ma nel corso dei prossimi anni c’è tutto il potenziale per cambiare radicalmente un intero settore industriale, vale a dire quello dei videogiochi.

Quando si potrà contare sugli algoritmi per creare la grafica, infatti, ci sarà meno lavoro per gli sviluppatori. Alcuni forse dovranno trovarsi un altro impiego, ma gli altri potranno concentrarsi sui dettagli più fini, quelli che fanno la differenza tra un videogioco qualsiasi e un capolavoro. L’intelligenza artificiale, poi, potrà intervenire anche nella creazione delle storie, nel design dei personaggi – oltre che ovviamente nel comportamento dei nemici (ma questo accade già oggi).

Nvidia AI Videogames

La novità proposta da Nvidia ha poi implicazioni anche su un tema di più ampio respiro, cioè quello delle fake news. Le notizie false infatti sono sul punto di una svolta epocale, proprio grazie a intelligenze artificiali con cui creare video del tutto credibili. Immaginate di poter prendere il politico di turno e fargli dire e fare qualsiasi cosa, collocandolo nell’ambiente che volete, in compagnia di chi volete. E immaginate quanto sarebbe difficile smentire quel video, in mancanza di strumenti tecnologici che possano distinguere un video artefatto da uno autentico.

Secondo il dirigente Nvidia Bryan Catanzaro queste tematiche non possono essere responsabilità di Nvidia o di qualunque azienda sviluppi sistemi di Intelligenza Artificiale. Come si dice spesso riguardo alle armi, anche in questo caso secondo lui dovrebbe valere il principio che lo strumento è neutrale, ed è chi lo usa a scegliere cosa farne e ad essere responsabile.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Guida ai regali di Natale, i nostri consigli tra 50 e 150 euro

next
Articolo Successivo

Lenovo risarcirà 7,3 milioni di dollari ai clienti per il malware installato nei suoi notebook

next