“Avevo 20 anni quando l’ho visto per la prima volta. Lui era ancora in Lotus, era alle prime armi”. Inizia così il racconto di Cristina Pensa a Caterina Balivo durante l’ultima puntata di Vieni da Me a cui ha raccontato alcuni retroscena inediti sul campione di Formula 1 Ayrton Senna, con il quale è stata fidanzata per due anni, come quello che il pilota aveva in qualche modo “previsto” la sua morte. “Si è lasciato andare con me a Imola, nel febbraio del 90’ alle prove con la McLaren. Mi ha detto: ‘Ho bisogno di parlarti, ho un brutto presentimento, sento che non vivrò a lungo‘ – rivela la Pensa-. Sul divanetto della nostra camera c’era un libro con la storia di Gilles Villeneuve, io ho chiesto spiegazioni a Senna e lui mi ha risposto: ‘Era un grande pilota, ma penso che questa sarà anche la mia fine‘. L’ho lasciato, a 22 non me la sentivo di fare quella vita”.

Dopo Senna ha conosciuto il calciatore Ruud Gullit, che sarebbe diventato poi suo marito, ma la morte del pilota a Imola nel 1994 l’ha scioccata: “Ho continuato a fare la modella e ho incontrato Gullit. Quando stavo per sposarmi con Ruud, mi è arriva la notizia della morte di Senna. Io sono rimasta sconvolta. Gullit si arrabbiò per questo ma ci sono state troppe dicerie sulla questione. Io mi sono appoggiata tantissimo a lui dopo la morte di Ayrton. A Ruud ho dato la sensazione di essere ancora innamorata di Senna, il nostro matrimonio si è incrinato anche per questo”. La porta del suo cuore però è sempre aperta: “La mia porta è sempre aperta e tu lo sai, mi spiace per i misunderstanding che ci sono stati e per i nostri ragazzi che ti amano. Il passato è passato, guardiamo avanti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Romina Power, il messaggio per il compleanno della figlia scomparsa: “Tanti auguri, ovunque tu sia”

next
Articolo Successivo

Incidente Michele Bravi, parla il fratello della vittima: “Ha distrutto ben più di una famiglia e non ci ha fatto neanche una chiamata”

next