Tormentoni, concerti, ospitate, social: Fedez e J-Ax per anni hanno condiviso il loro percorso musicale. Italiana, l’ultimo loro tormentone, e lo scorso giugno la rottura improvvisa con i fan dei musicisti con alle prese con una sola domanda: “Cosa è successo?”. J-Ax, così come Rovazzi, non erano presenti al matrimonio dei Ferragnez e il giudice di X Factor aveva glissato sull’argomento nel corso de L’Intervista con Maurizio Costanzo.
Su una linea simile anche J-Ax che a Le Iene aveva prima evitato l’argomento per poi aggiungere: “Nella vita non si può mai sapere“, parlando di una eventuale futura reunion con l’ex amico. Fedez durante l’evento Vanity Fair Stories ha parlato del loro ultimo concerto a San Siro: “Per la mia carriera, San Siro è stato un traguardo impensabile fino a pochi anni fa. Purtroppo anche un evento come questo si porta dietro strascichi non belli. San Siro oltre a essere un bel ricordo, l’evento in sé e il percorso che mi ha portato lì mi ha insegnato tantissimo. Dopo San Siro sono venuto a conoscenza di cose non piacevoli che mi erano state tenute nascoste proprio per fare san Siro”.
A chi si riferiva? Qualcosa devo averlo turbato e per molti le dichiarazioni sarebbero riferite proprio all’ex socio. Parole che per ora restano avvolte nel “mistero” e a cui Ax non ha ovviamente replicato non essendo stato citato direttamente. Nei giorni scorsi il marito di Chiara Ferragni, in un’intervista a NewsMediaset, ha lasciato intendere che dirà addio al talent show in onda su Sky e che questa dovrebbe essere la sua ultima edizione: “Ho deciso di lasciare da parte tutto ciò che è televisione e di concentrarmi sulla mia musica.” Il cantante ha poi scherzato sul fatto che è costantemente a torso nudo sui social: “A casa ho un ottimo riscaldamento. Sono un ex grasso, per me mostrarmi è una grande conquista”, ha concluso con il sorriso.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mauro Icardi regala un Rolex a tutti i compagni di squadra. E Wanda Nara commenta: “A me niente, neanche un braccialetto di legno”

prev
Articolo Successivo

J-Ax: “Credevo nel Movimento 5 Stelle ma oggi non riesco ad accettare l’unione con la Lega. E’ un governo di destra che fa proclami come 50 anni fa”

next