Dopo sette anni di lavoro, quasi sette mesi di viaggio nello Spazio e altrettanti minuti d’angoscia, la sonda americana InSight ha toccato la superficie del pianeta Marte: l’atterraggio è avvenuto con successo. Subito dopo è arrivato il segnale del lander per dire che è ‘vivo’ e funzionante. Un applauso con la storica standing ovation ha accompagnato il segnale al centro di controllo della Nasa. Le prime immagini della superficie di Marte non dovrebbero arrivare prima di martedì. Intorno alle 2 della notte si saprà se InSight è riuscito a dispiegare i pannelli solari.

Alle 20.47, come da programmi, la sonda è entrata nell’atmosfera, riparata da uno scudo termico rinforzato, e ha iniziato l’ultima fase della discesa a circa 20mila chilometri orari, mirando a un rettangolo di 10 chilometri su 24 chilometri. Quattro minuti e un centinaio di chilometri più avanti si è aperto il paracadute per frenare la discesa. Poi, una volta lasciato cadere lo scudo termico, il carrello ha aperto le sue tre gambe e il paracadute si è staccato. Alle 20.54, cioè circa sette minuti dopo il suo primo contatto con l’atmosfera, InSight è atterrata su Marte. Tutto ciò che era stato programmato, dall’ingresso nell’atmosfera di Marte alle tempeste di sabbia, fino al contatto dei piedi della sonda con la roccia, ha funzionato senza imprevisti.

È la prima volta dal 2012 che una sonda riesce ad arrivare su Marte, dopo il rover Curiosity che tante soddisfazioni è riuscito a dare in questi anni, il solo ancora attivo su questo pianeta. Russia ed Europa avevano fallito: l’ultima sonda a essersi schiantata è la Schiaparelli dell’Esa, nel 2016. InSight è  il 15esimo veicolo a toccare il suolo marziano a partire dal 1971, quando su Marte si era posato il sovietico Mars 2, distrutto però durante la discesa.

Il compito della sonda – L’atterraggio è solo il primo passo di un viaggio che ci potrà dire non solo come e perché si è formato Marte ma anche come si sono formati i pianeti in generale. È la Nasa che ha approvato questa missione da circa un miliardo di dollari, che dovrà studiare il pianeta rosso. La sonda dispiegherà ora lentamente i suoi pannelli solari che alimenteranno gli strumenti e comincerà il suo fitto programma di lavoro. Dovrà ascoltare e scrutare l’interno di Marte per provare a svelare i misteri della sua formazione, risalente a miliardi di anni fa. Conoscenze che permetteranno in un secondo tempo di comprendere meglio la formazione della Terra, il solo pianeta roccioso di cui finora si sia realmente studiata la parte interna. InSight è equipaggiata con un sismometro di realizzazione francese, SEIS, che verrà posto direttamente sul terreno di Marte e ascolterà le sue vibrazioni: onde di shock dei meteoriti, terremoti, rottura di strati rocciosi, forse anche movimenti di magma profondo. Altro strumento importante a bordo, tedesco, è l’HP3, che somiglia a una talpa legata con un laccio al carrello: scaverà da 3 a 5 metri di profondità sotto la superficie di Marte per rilevare la temperatura.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Editing genetico, scienziato cinese: “Creati i primi esseri umani con Dna modificato”

prev
Articolo Successivo

Marte, la sonda InSight atterra sul Pianeta Rosso e il centro di controllo della Nasa esplode di gioia: l’esultanza in diretta

next