Avevamo fatto appena in tempo a gioire per la scarcerazione, il 30 ottobre, di Haytham Mohamdeen, difensore dei diritti umani e avvocato di diritto del lavoro, che 48 ore dopo è ripresa in Egitto la consueta repressione. Al termine di una serie di raid iniziata all’alba del 1° novembre, le forze di sicurezza egiziane hanno arrestato almeno 19 persone (8 donne e 11 uomini) impegnate nella difesa dei diritti umani.

Gli arresti, ultimo segnale dell’ambiente ostile e repressivo in cui si trovano a operare i gruppi della società civile egiziana, hanno costretto il Coordinamento egiziano per i diritti e le libertà, una nota Ong che fornisce aiuto legale e documenta le violazioni dei diritti umani, a sospendere le attività.

Proprio il Coordinamento egiziano per i diritti e le libertà, autore di rapporti sulle sparizioni forzate e sull’aumento del ricorso alla pena di morte, è stato duramente colpito negli ultimi mesi. Tra i 18 arrestati del 1° novembre c’è Mohamed Abu Horira, avvocato ed ex portavoce del Coordinamento, mentre il cofondatore Ezzat Ghoniem e un suo altro esponente, l’avvocato Azzouz Mahgoub, risultano scomparsi dal 14 settembre.

Ghoniem e Mahgoub, arrestati nel marzo 2018, avrebbero dovuto essere rilasciati il 4 settembre. Le forze di sicurezza hanno ignorato l’ordinanza del tribunale e li hanno fatti sparire dal carcere in cui erano detenuti. Tra le persone arrestate il 1° novembre c’è anche la storica avvocata per i diritti umani ed ex componente del Consiglio nazionale per i diritti umani Hoda Abdelmoneim. Le forze di sicurezza hanno fatto irruzione nel suo appartamento, mettendolo a soqquadro per due ore, per poi portarla in una località sconosciuta.

Ormai è evidente che chiunque osi parlare di violazioni dei diritti umani in Egitto è in pericolo. Ed è amaro constatare che, mentre le autorità del Cairo dedicano così tante energie alla repressione del movimento per i diritti umani, i copti continuino a rimanere senza protezione e morire negli attentati dei gruppi terroristi islamici.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Iran, proteste contro Usa per il ripristino delle sanzioni: “Morte all’America”. Trump: “Sono le più dure mai imposte”

prev
Articolo Successivo

Marsiglia, crollano due palazzi in centro: due feriti. In uno vivevano 10 famiglie

next