Gli attivisti No Tap sono arrivati al Circo Massimo di Roma per la kermesse di ‘Italia 5 Stelle‘ con striscioni e volantini e domenica hanno avuto un incontro con il ministro per il Sud, Barbara Lezzi. Il ministro ‘scarica’ la difficile vicenda sul collega titolare del dicastero dell’Ambiente: “Il ministro Costa si è preso qualche altro giorno perché sta analizzando tutta la documentazione che ha portato il sindaco di Melendugno” (anche se sia la Lezzi sia Costa avevano dichiarato, lo scorso 16 ottobre, di verifiche che verranno svolte nelle prossime da svolgere nelle prossime 24-36 ore, ndr).

“Io non conosco tutto l’iter amministrativo, non lasceremo nulla d’intentato” prova a rassicurare Lezzi, che aggiunge: “Quel trattato io l’ho sempre detto che ci legava mani e piedi, io ho le registrazioni del 20 febbraio scorso quando andai a Melendugno e dico che sarebbe stato molto difficile, che c’erano dei contratti, io l’ho detto sempre” prova a giustificarsi il ministro per il Sud, che ai militanti salentini pentastellati rileva: “Il ministro Costa mi ha detto ‘Barbara mi serve almeno una settimana per verificare tutte le carte’, io gli ho risposto che per me ti puoi prendere anche un mese, basta che sappiamo tutto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grillo, polemiche dopo le battute sull’autismo. Nicoletti: “Noi scherniti mentre combattiamo le discriminazioni”

next
Articolo Successivo

Manovra, Bonino: “Molto rischiosa. Come se una famiglia già indebitata chiedesse altri soldi per spese correnti”

next