Ebbene no, non sono alla Leopolda. Perdonate la prima persona, ma è la prima volta dal 2012 (mancavo anche alla prima, quella del 2011) e quindi è una specie di evento, per quel che mi riguarda. Ma soprattutto è da ieri che mi arrivano messaggi e telefonate. “Sei qui?”. “A che ora arrivi?” “Come ti sembra a Firenze?” “Mi racconti la Leopolda in due parole?” “Ci incontriamo, che ho delle cose da dirti?”.

Ecco, io com’è la Leopolda numero 9 non lo so. Non ci sono, e quindi – pure se me la immagino – non ho titolo per descriverla. Però, ieri ho sentito (in streaming) la canzone che risuonava nelle arcate della vecchia stazione industriale, alla fine della prima serata. Quelli che restano di Francesco De Gregori ed Elisa. Il titolo è già tutto un programma. Evoca resistenti, affezionati. Ma pure reduci. Note malinconiche, parole struggenti.

Qualche verso parla da solo. “La più grande fatica è riuscire a non far niente”. E questo, quanto meno per Renzi è autobiografico, mentre si agita tra conferenze, documentari, viaggi internazionali e piani A, B, C per fare il congresso, per non farlo, per riprendersi il Pd, per uscire dal Pd, per distruggere il Pd. Canta De Gregori: “Mi perdevo dietro chissà quale grande magia, quale grande canzone” e poi parla di “sassi più o meno preziosi e qualche ricordo importante che si sente sempre”. Quanta nostalgia che ci dev’essere per gli anni con il vento in poppa, la Rottamazione, le scalate, Palazzo Chigi. “Ma noi siamo quelli che restano in piedi e barcollano”, cantano entrambi, De Gregori ed Elisa. Ammissione?

E ancora: “Avremo gli occhi vigili e attenti e selvatici come gli animali”. Strategia? “Mi voltavo a guardare indietro e indietro ormai per me non c’era niente. Avevo capito le regole del gioco e ne volevo un altro uno da prendere più seriamente”. Consapevolezza? E poi, soprattutto: “Più di una volta sei andato diritto, diritto sparato contro un muro”. È Matteo che parla della promessa di lasciare in caso di sconfitta al referendum? O dei 10, 100, 1000 muri che ha preso a testate negli anni, in maniera più o meno indifferenziata? Attenzione al finale. Parla di “quelli che anche voi chissà quante volte ci avete preso per dei coglioni”. Però poi avverte: “Ma quando siete stanchi e senza neanche una voglia. Siamo noi quei pazzi che venite a cercare”. La speranza è l’ultima a morire. Ma pure la tenacia, anche se chissà per quale progetto.

Ecco, forse la Leopolda quest’anno è un po’ così. Ma attenti, io non ci sono.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il M5s è d’accordo col razzismo della Lega? Gli indizi c’erano già

next
Articolo Successivo

Decreto fisco, vince la linea M5s: c’è l’accordo in consiglio dei ministri, via il condono tombale e lo scudo penale

next