Sua Maestà la regina Elisabetta è stata “sfrattata” dalla sua camera da letto e, per la prima volta dalla sua ascesa al trono nel 1952, dovrà cambiare stanza. Il motivo? Dopo oltre mezzo secolo dagli ultimi lavori, Buckingham Palace ha bisogno di essere completamente ristrutturato: ci sono da sostituire infatti 160 km di cavi, 50 km di tubi, 6500 prese elettriche, 2500 termosifoni, 5000 porta lampadina, l’equivalente di 3,5 campi da calcio di parquet e 500 sanitari le cui catenelle si sono rotte anche nei bagni più esclusivi.  

Fatemi sapere dove volete che io stia”, pare abbia replicato la sovrana, con il suo consueto pragmatismo, quando ha saputo la notizia dal capo dei lavori. Che, incredibile ma vero, è proprio suo marito Filippo. Nonostante i suoi 96 anni infatti, il duca di Edimburgo ha voluto assumersi la direzione dei lavori di casa, come riporta il quotidiano La Stampa.

L’arzillo principe consorte non è nuovo ad incarichi di questo genere: nel 1992 aveva infatti già diretto i lavori di restauro del castello di Windsor dopo che questo fu danneggiato da un incendio e, da che ha messo piede per la prima volta a Buckingham Palace, non ha mai smesso di apportarvi piccole migliorie che rendessero quel vecchio palazzo più confortevole. Quando vi entrò per la prima volta con la Regina la situazione era disastrosa: i fili elettrici pendevano dai soffitti, il vento ululava nei camini, le stanze erano piene di spifferi e, addirittura, pare che topi e scarafaggi circolassero indisturbati per il palazzo.

Adesso la situazione è molto migliorata ma l’impianto elettrico rimane quello originale dell’epoca della regina Vittoria, le pareti non vengono ritinteggiate da oltre settant’anni e quando piove ci sono sempre più infiltrazioni dal soffitto e i valletti devono correre a mettere dei secchi. Insomma, questi lavori non si potevano più rinviare. Si comincerà dalla East Wing, la facciata che guarda a Est, la più famosa nel mondo grazie al suo balcone da cui si affaccia la Famiglia Reale nelle grandi occasioni per salutare la folla, per poi rinnovare completamente tutto il palazzo, con tanto di pannelli solari sul tetto (voluti dal principe Carlo) che dovrebbero ridurre non solo le spese di mantenimento del palazzo ma anche di 500 tonnellate le emissioni di Co2. 369 milioni di sterline (420 di euro) è il costo stimato dei lavori, una cifra che sta facendo discutere tra i sudditi di Sua Maestà perché a pagare sarà sì Elisabetta, ma attraverso la rendita che le passa il Tesoro, che infatti nei prossimi anni passerà dal 15% al 25% dei ricavi incassati annualmente dallo Stato dalla gestione delle proprietà reali. Chissà come Elisabetta sceglierà di fare la sua nuova camera da letto e se, dopo il disagio di finire il suo regno con gli operai in casa, riuscirà a godersi il suo palazzo finalmente comodo e confortevole.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Costantino Vitagliano in lacrime: “Dopo la morte di mia madre sono tornati gli attacchi di panico”

next
Articolo Successivo

Young Signorino, “sua moglie 34enne ha mandato il nostro progetto in frantumi. Falsa anche la storia del figlio e della clinica psichiatrica”

next