Perpetuare la memoria della tragedia perché l’orrore non si ripeta. Portare i ragazzi delle scuole superiori a Lampedusa nonostante la resistenza del ministero dell’Istruzione. Ricordare le 368 vittime del naufragio avvenuto il 3 ottobre 2013 nelle acque dell’isola, a dispetto dell’assenza degli esponenti del governo M5s-Lega. La Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’immigrazione si è tenuta come ogni anno sullo scoglio simbolo dell’ospitalità che l’Italia ha sempre dimostrato nei confronti dei migranti. Nonostante la lontananza delle istituzioni.

La mattinata si è aperta con la marcia in ricordo delle vittime, poi la tradizionale commemorazione davanti alla spiaggia dei Conigli, il tratto di mare in cui la tragedia si consumò 5 anni fa, ad appena 800 metri dalla costa. Calendario rispettato anche quest’anno, quindi, per l’iniziativa promossa dal Comitato Tre Ottobre, con il sostegno del Comune di Lampedusa e Linosa, della Rai e il contributo dell’Associazione nazionale vittime civili di guerra, e finanziata dall’Agenzia dell’Onu per i rifugiati.

“Noi siamo qui come ogni anno – ha detto il sindaco Totò Martello – ma questa volta il governo non c’è”. “So che alla Camera oggi c’è una cerimonia – ha fatto eco Tareke Brhane, presidente del Comitato Tre ottobre, nato dopo la tragedia – ma qui a Lampedusa non c’è nessuno delle istituzioni nazionali. L’importante è che ci siano tanti giovani e studenti a ricordare tutte le vittime del Mediterraneo”. Sono i ragazzi delle 15 scuole superiori che avevano partecipato al bando del Miur per partecipare all’evento, a cui lo stesso ministero non ha mai comunicato i risultati della selezione e che hanno deciso di esserci lo stesso autofinanziandosi la trasferta sull’isola. Una vicenda sulla quale il Pd e Liberi e Uguali hanno annunciato due interrogazioni parlamentari.

Un’assenza delle istituzioni che risalta ancor di più se messa a confronto con la partecipazione dimostrata nelle passate edizioni. Nel 2017 a rappresentare lo Stato furono l’allora presidente del Senato Pietro Grasso, l’ex ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli e l’ex sottosegretaria alla presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi. Che rappresentato il governo anche nel 2016 insieme al ministro dell’Interno Angelino Alfano e al sottosegretario all’Istruzione Davide Faraone. Nel 2015 i partecipanti erano stati raggiunti da un messaggio del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, mentre nel 2014 a volare sull’isola era stata la presidente della Camera Laura Boldrini e Papa Francesco aveva ricevuto in Vaticano superstiti e famiglie delle vittime. Quest’anno solo il numero uno di Montecitorio Roberto Fico ha deciso di ricordare il 3 ottobre in una cerimonia a Montecitorio.

“Non si può continuare a ripetere che in Italia il problema degli sbarchi è finito e che tutto è stato risolto – ha detto ancora il sindaco Martello – gli italiani si convincono poi che è così. Invece, stando a Lampedusa, si scopre che il porto dell’isola è aperto perché attraccano direttamente al porto”, ha proseguito il sindaco. Che poi ha attaccato il governo per non aver finanziato il viaggio degli studenti sull’isola: “Ecco perché non vogliono che i ragazzi vengano a Lampedusa. Non si può mettere il bavaglio per raccontare le cose come sono, si vogliono cancellare i morti di Lampedusa”. E aggiunge: “Se il Parlamento italiano ha votato questo benedetto giorno della memoria allora perché non celebrarlo? Non è reato, invece lo vogliono fare diventare un reato“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

X Factor, Fedez: “Asia Argento? Io la terrei, è una delle scelte più azzeccate come giudice donna”

next
Articolo Successivo

Ponte Morandi, il traffico sul viadotto e la nube di polvere. Guardia di Finanza diffonde nuovo video del crollo

next