L’altra sera a Bari si è consumata una grave aggressione da parte di Casapound ai danni di alcune persone che avevano partecipato a una manifestazione antirazzista. Gli aggrediti hanno sottolineato come sia stato del tutto inadeguato l’atteggiamento tenuto da parte delle forze dell’ordine. Perplessità desta anche l’atteggiamento di Salvini che ha teso a minimizzare l’accaduto. Occorre invece che vengano prontamente identificati e puniti gli autori del pestaggio sulla base di un elenco di trenta nomi redatto dalla Digos locale.

Ho rivisto di recente il bel film di Florestano Vancini Il delitto Matteotti che illustra la tappa decisiva nella presa del potere da parte del fascismo, con la liquidazione del Parlamento e la soppressione dell’autonomia della magistratura.

Tale film ha il merito di chiarire che il fascismo fu principalmente il dispiegamento della violenza brutale ai danni degli oppositori per instaurare la dittatura delle classi dominanti. Certo, oggi non viviamo una situazione che sia lontanamente comparabile a quella. Eppure, torna a esprimersi la parte peggiore del Dna italico. E principalmente si esprime nella crescente ostilità e nelle discriminazioni ai danni degli stranieri, come dimostrato da episodi davvero odiosi come le aggressioni fisiche ai danni di migranti e antirazzisti, l’apartheid scolastico di Lodi, e da trend normativi di carattere generale come i decreti zeppi di incostituzionalità recentemente presentati da Salvini e dall’altrettanto anticostituzionale velleità di Di Maio di escludere dal limitato pacchetto di misure sul reddito di cittadinanza i “non italiani”.

Alleandosi con Salvini, in attesa che il furbacchione li scarichi per tornare ai vecchi amori, dopo averli vampirizzati, i pentastellati hanno totalmente e frettolosamente abiurato alle parti più qualificanti del loro programma originario, dal no alla Nato a quello a Tap e Tav per convertirsi in stampella del progetto leghista. In cambio di qualche demagogica briciola, la cui esistenza ed ammontare sono tutti da verificare e quantificare, su reddito di cittadinanza, pensioni e altro, si sta definendo un regime che al fondamento costituzionale sostituisce la discriminazione nei confronti dei migranti e la repressione della persone colpite dalla miseria che è in crescita.

Ovvio che in un clima del genere Casapound e Forza Nuova si sentano a proprio agio. Occorre invece riprendere con forza l’iniziativa per mettere fuorilegge le forze che si richiamano più o meno apertamente al fascismo e al razzismo. Al tempo stesso occorre avvertire come del presente andazzo davvero inquietante siano in ultima analisi responsabili gli esponenti della finta sinistra, quella che di fronte agli spropositi del Salvimaio non trova niente di meglio da fare che evocare lo spread e santificare le compatibilità del capitale finanziario.

A populisti e sovranisti di destra occorre invece ribattere con forza, affermando la portata espansiva del principio di eguaglianza sostanziale contenuto nel secondo comma dell’articolo 3 della Costituzione contro i vincoli posti dai “mercati” e dall’”Europa” nell’esclusivo interesse della classe dominante che sotterra se stessa per dare vita a nuovi incubi ancora peggiori. Forzare questi vincoli per soddisfare gli interessi popolari è oggi più che mai necessario, ma a farlo non saranno certo Salvini & co., che costituiscono a tutti gli effetti dei supporti del sistema capitalistico, in particolare nella sua versione neoliberista, che va rovesciato al più presto nell’interesse dell’umanità senza distinzione di razza e di frontiere.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Giuseppe Balboni, 16enne di Zocca trovato morto in un pozzo nel Bolognese: i carabinieri indagano per omicidio

next
Articolo Successivo

Federico Aldrovandi e la propaganda per decreto nel dl Sicurezza

next