Tirate di capelli, schiaffi e insulti pesantissimi: “Hai la stessa faccia di cazzo di tua mamma”. E non solo: alcuni, i più cattivi, venivano chiusi in una stanza buia e lasciati lì per lunghi minuti. Cinque maestre dell’asilo Papero Giallo di via del Fiume Giallo – zona Torrino, a Roma – sono state sospese dopo che nelle registrazioni audio-video in possesso degli investigatori sono state viste maltrattare i bambini loro affidati, la classe dei “medi”, di età compresa tra i 19 e i 32 mesi, con continue vessazioni psicologiche e fisiche. L’indagine ha preso il via dalla denuncia sporta 6 mesi fa alcuni genitori, allarmati dal comportamento anomalo e dal disagio manifestato dai propri bambini. “La maestra è cattiva, mi dà le botte“, aveva detto uno di loro. I genitori hanno riferito che i loro figli avevano paura di recarsi a scuola.

Alle donne, che hanno tra i 52 e i 65 anni, è stato inoltre notificato il divieto di avvicinamento alle abitazioni e ai luoghi frequentati dalle persone offese. Appena lo scorso sabato, una maestra di Reggio Emilia è stata sospesa per sei mesi, incastrata dalle registrazioni che la mostravano nell’atto di stringere al collo e strattonare violentemente i suoi bambini. Qualche settimana prima un episodio simile a Caserta, in cui a essere scoperte in atteggiamenti violenti erano state le suore di un asilo paritarioAlla fine di luglio, poi, è stato condannato a tre anni Enrico Piroddi, l’ex titolare dell’asilo milanese Baby World Bicocca arrestato in flagranza nel 2016 per maltrattamenti.

 

FOTO D’ARCHIVIO

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Diciotti, Baobab: “Digos cerca migranti della Diciotti”: in sedici prelevati a Roma

next
Articolo Successivo

Ponte Morandi, l’ad di Autostrade Castellucci fa cadere il modellino di Renzo Piano

next