Tirate di capelli, schiaffi e insulti pesantissimi: “Hai la stessa faccia di cazzo di tua mamma”. E non solo: alcuni, i più cattivi, venivano chiusi in una stanza buia e lasciati lì per lunghi minuti. Cinque maestre dell’asilo Papero Giallo di via del Fiume Giallo – zona Torrino, a Roma – sono state sospese dopo che nelle registrazioni audio-video in possesso degli investigatori sono state viste maltrattare i bambini loro affidati, la classe dei “medi”, di età compresa tra i 19 e i 32 mesi, con continue vessazioni psicologiche e fisiche. L’indagine ha preso il via dalla denuncia sporta 6 mesi fa alcuni genitori, allarmati dal comportamento anomalo e dal disagio manifestato dai propri bambini. “La maestra è cattiva, mi dà le botte“, aveva detto uno di loro. I genitori hanno riferito che i loro figli avevano paura di recarsi a scuola.

Alle donne, che hanno tra i 52 e i 65 anni, è stato inoltre notificato il divieto di avvicinamento alle abitazioni e ai luoghi frequentati dalle persone offese. Appena lo scorso sabato, una maestra di Reggio Emilia è stata sospesa per sei mesi, incastrata dalle registrazioni che la mostravano nell’atto di stringere al collo e strattonare violentemente i suoi bambini. Qualche settimana prima un episodio simile a Caserta, in cui a essere scoperte in atteggiamenti violenti erano state le suore di un asilo paritarioAlla fine di luglio, poi, è stato condannato a tre anni Enrico Piroddi, l’ex titolare dell’asilo milanese Baby World Bicocca arrestato in flagranza nel 2016 per maltrattamenti.

 

FOTO D’ARCHIVIO

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Diciotti, Baobab: “Digos cerca migranti della Diciotti”: in sedici prelevati a Roma

prev
Articolo Successivo

Ponte Morandi, l’ad di Autostrade Castellucci fa cadere il modellino di Renzo Piano

next