Toyota ha annunciato ieri un massiccio piano di richiamo, che interesserà 1,03 milioni di autoveicoli con tecnologia ibrida a livello mondiale, sugli oltre 12 milioni venduti in totale dalla casa nipponica. Le zone interessate, oltre al Giappone, saranno prevalentemente il Nord America e l’Europa, e i modelli coinvolti saranno anche a marchio Lexus. In particolare, tra le auto indicate dalla casa giapponese ci sono la Prius (anche nella variante plug-in) e il fortunato crossover compatto C-HR.

Il motivo? Precauzionale, soprattutto. Dopo un solo caso di corto circuito che ha fatto riempire di fumo l’abitacolo di una vettura, senza tuttavia provocare conseguenze a livello di incidenti o feriti. Tuttavia l’azienda, d’accordo col ministero dei trasporti giapponese, ha disposto il provvedimento per prevenire altri problemi: la criticità pare riguardi il sistema di cavi del powertrain ibrido, a cui verrà posto rimedio con interventi mirati.

Ad occuparsene, come detto, saranno soprattutto i centri di assistenza meccanica in Giappone (554 mila auto), Nord America (217 mila) ed Europa (219 mila), che interverranno su una serie di auto prodotte tra giugno 2015 e maggio di quest’anno.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Automobile, ecco com’è cambiata in cinquant’anni quella degli italiani

prev
Articolo Successivo

Gran Premio Nuvolari, conto alla rovescia per l’edizione numero 28

next