» Cronaca
domenica 26/03/2017

La figuraccia di Tiziano Renzi col gelataio raccomandato

Gli interventi, registrati dagli investigatori, del papà dell’ex premier per far ottenere il carretto con i dolci all’amico considerato “un fratello”
La figuraccia di Tiziano Renzi col gelataio raccomandato

Una storia di carretti e gelati che ha ben poco a che vedere con Lucio Battisti e men che meno con l’Europa e il cono Grom consumato da Matteo Renzi alla faccia dell’Economist. C’entrano invece i rapporti tra Tiziano Renzi e il pilota del progetto The Mall, Luigi Dagostino, che non si sono interrotti con la chiusura della Party srl, la società che li ha legati da ottobre 2014 a gennaio 2016. Lo dimostra la vicenda riferita nei giorni scorsi dalla Nazione e documentata dalle carte dell’inchiesta dei pm fiorentini Von Borries e Turco, che indagano sull’ipotesi che l’ex socio di Renzi senior e alcuni suoi partner abbiano frodato il fisco grazie anche all’outlet di Leccio Reggello.

A fine maggio 2016, un negozio La Perla cerca qualcuno per distribuire gelati e bibite davanti alla bottega. Il contratto sembra interessare molto a Tiziano Renzi, che interviene con Dagostino “per conto di una terza persona”, spiegandogli al telefono che questa “ha un mezzo capito? … costa il giusto … 500/600 euro e il gelato gratis glielo dà”. Seguono incontri e telefonate. Emerge, poi, che l’aspirante gelataio è Corrado Menchetti di Arezzo: vorrebbe 500 euro al giorno per il suo carretto. Secondo gli inquirenti, babbo Renzi è “convinto del successo, in termini di qualità dei prodotti che potrebbe avere Menchetti, da lui considerato come ‘un fratello‘”.

Dagostino si convince e manda in porto l’affare che, stima, potrebbe fruttare “tra i 3 e i 4mila euro al giorno”. Sarà la fretta, fatto sta che neanche una settimana dopo spunta una “problematica legata all’occupazione del suolo pubblico”, la cui soluzione viene affidata da Dagostino a “una persona di fiducia presso il Comune di Reggello”. Dopo 24 ore, da una conversazione tra l’imprenditore e l’architetto che per lui si occupa dei rapporti più delicati con il Comune emerge però che il problema è più complesso: “È stato elevato un verbale, perché l’ambulante, per le modalità di vendita riscontrate, necessita di un’autorizzazione sanitaria”. Che non c’è.

Tanto che 10 giorni dopo Renzi senior e Dagostino sono ancora lì che ne parlano. “Degna di nota – registrano gli inquirenti – è la replica di Tiziano, il quale afferma che lui ha detto a Menchetti di non poter fare nulla, dato che ci doveva pensare Dagostino.

Questi, prima di salutarsi, dice al padre di Renzi che vorrebbe vederlo per fare un’altra cosa al The Mall, ricevendo la disponibilità del suo interlocutore a dimostrazione della continuità dei rapporti tra gli stessi”. Che andranno avanti almeno fino a novembre. Con il gelataio invece le cose non vanno bene: ai primi di luglio Menchetti dà a Dagostino “il sentore di essere amareggiato della situazione” e sta valutando di togliere il carretto. Quindi il pugliese gli fa capire che potrebbe coinvolgerlo in una nuova iniziativa e gli propone di restare per i saldi. Quando poi l’aretino “rappresenta il timore di ulteriori verbali di contestazione, Dagostino lo rassicura affermando che per 10-15 giorni non sarebbe venuto nessuno”.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca
La proposta

L’euro affianca la kuna in Croazia, ma solo in estate

Euro sì, ma solo d’estate. La moneta unica potrebbe sbarcare anche in Croazia. Il sindaco di Ragusa (Dubrovnik), Marko Kristic, esponente del partito Most, il più vicino alla maggioranza di governo (Hdz), ha proposto a Zagabria di affiancare alla kuna l’euro, solo per l’alta stagione estiva: “L’introduzione della moneta europea faciliterebbe il soggiorno dei turisti, con ricadute positive per il settore”. Aggiunge poi: “L’idea è quella di porre un limite di spesa giornaliera, 200 euro o anche meno. Siamo convinti che si tratti di una proposta utilissima”. Dalle prime stime si è calcolato che nella sola città di Ragusa si otterrebbe un guadagno di 10 milioni l’anno. La transazione, presentata in kune, verrebbe effettuata attraverso registratori fiscali che darebbero l’equivalente in euro, secondo i tassi di cambio. Ai proprietari di locali verrà imposto il resto in kune e il versamento degli incassi in euro nei conti valutari. Se il ministro delle finanze, Zdravko Maric, al momento dice di non poter commentare la proposta, sarebbero già arrivati gli ok dell’associazione turistica Fiume e quella degli albergatori e ristoratori croati.

Politica

Il mestiere di Don Vicienzo: insulti e minacce per tutti

Cronaca

Le magie del Giglio di papà Renzi per ingannare il fisco

Corre in Europa: la lenta (ri)discesa in campo di B.
Cronaca
La strategia

Corre in Europa: la lenta (ri)discesa in campo di B.

di
“Con noi è stato corretto e professionale”
Cronaca
L’intervista - Marco Doria

“Con noi è stato corretto e professionale”

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×