Glauco Trasselli, scenografo italiano molto conosciuto nel mondo dello spettacolo, è stato trovato senza vita nel bagno di un locale a Colle Oppio, a Roma, durante una festa per la fine delle riprese della serie tv Catch 22 interpretata da George Clooney. Doveva essere una serata di felicità e un brindisi alle fatiche di mesi. Poi all’improvviso Glauco è sparito. I colleghi, preoccupati della sua assenza dal locale lo hanno cercato senza successo, come raccontano al Messaggero: “Gualco non si trovava, lo abbiamo cercato per più di un’ora fino a quando il suo corpo è stato scoperto dal personale del locale. Siamo rimasti di sasso“.

L’autopsia farà luce sulle cause del decesso del giovane, anche se l’ipotesi più accreditata pare possa essere quella del malore improvviso o di un’intossicazione alimentare. Glauco, infatti, come testimoniano amici e familiari non faceva uso di sostanze stupefacenti: “Aveva paura di ogni sostanza. Era una persona sana”, dicono gli amici. A loro fa eco la convivente dell’uomo che conferma che l’uomo non utilizzava droghe di nessun tipo. Sconvolti i proprietari del locale: “Siamo rimasti chiusi per due giorni in segno di rispetto per il giovane. Non lo conoscevamo, ma i dipendenti sono rimasti turbati. Da quello che ci è stato detto, dovrebbe essersi trattato di un malore”.

Trasselli era molto conosciuto negli ambienti dello spettacolo, lavorando in produzioni prestigiose. L’ultimo lavoro vedeva come protagonista George Clooney nei panni di un bombardiere dell’aviazione in una serie televisiva in sei puntate che andrà in onda su Sky. Gli amici di Glauco si sono uniti nel dolore per la grave perdita e hanno espresso tutta la loro vicinanza alla famiglia inviando numerosi messaggi sulla pagina Facebook del padre Fabrizio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Asia Argento accusata di molestie, ecco la lettera con cui #MeToo scarica l’attrice italiana

prev
Articolo Successivo

200 automobilisti bloccati in autostrada per un grave incidente, Ikea gli offre posti letto

next