Evolve anno dopo anno l’abbigliamento per motociclisti: così, dopo i giubbotti con airbag integrato, arriva il primo casco al mondo dotato di… aria condizionata. Si chiama Feher ACH-1 e vanta un sistema di climatizzazione brevettato che filtra e raffredda l’aria.

Quest’ultima viene poi indirizzata uniformemente sulla testa del pilota: ciò permette di abbattere di 10/15 gradi la temperatura interna rispetto a quella ambientale. Il Feher ACH-1 utilizza la medesima tecnologia adoperata per la ventilazione dei sedili di vetture di lusso.

Il tutto si basa su una piccola termopompa abbinata un particolare tessuto tubolare messo a punto dalla Feher e capace di distribuire l’aria fresca all’interno del casco: il sistema è alimentato da un piccolo cavo connesso alla batteria della moto. In alternativa, però, si possono utilizzare delle batterie specifiche, vendute separatamente.

Tutto questo ha il suo peso, superiore a quello di un casco tradizionale: circa 1.450 grammi (con variazioni di 30 grammi in più o in meno a secondo della taglia), mediamente 300 grammi in più rispetto a un elmetto di medesima taglia senza climatizzatore.

Il prezzo del Feher ACH-1 per il pubblico statunitense è di 549,99 dollari e presto dovrebbe arrivare anche in Europa. Tuttavia, per chi non volesse aspettare è comunque possibile acquistarlo all’estero per poi usarlo in Italia: lo consente l’omologazione ECE 22.05, valida anche nel nostro Paese.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ferrari, all’asta di Monterey una 250 GTO Scaglietti da 60 milioni di dollari

next
Articolo Successivo

Gli italiani al volante? Si autodefiniscono “esperti” e “dinamici”

next