Approdo senza sbarco per la nave della Guardia Costiera italiana ‘Ubaldo Diciotti’ con a bordo i 177 migranti salvati in un’unica operazione di soccorso al largo di Lampedusa la notte tra il 15 e il 16 agosto. Il pattugliatore dopo essere stato per giorni in rada davanti alla costa dell’isola di Lampedusa ha fatto rotta verso il capoluogo etneo dove è arrivato lunedì sera poco dopo le 23.30.

Questa mattina, davanti al molo di Levante, la rete Antirazzista di Catania e tante altre associazioni hanno manifestato contro il comportamento del governo Conte e, in particolar modo, contro la scelta del ministro Salvini di non procedere con le operazioni di sbarco. Ad osservare il presidio anche alcuni lavoratori del porto che hanno dichiarato di essere invece favorevoli al blocco degli arrivi e di non approvare il comportamento dei manifestanti.

Al Porto di Catania indicato come ‘porto sicuro’ e come ‘scalo tecnico’ non è stato autorizzato né previsto alcuno sbarco in attesa del piano di ripartizione dei migranti tra i Paesi dell’Unione Europea. Secondo ‘Save the children’ a bordo ci sarebbero diversi minorenni e 28 di questi non accompagnati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Calabria, Costa: “Al 99% non ci sono più dispersi. Ora accertare le responsabilità, questi sono morti che urlano”

next
Articolo Successivo

Gole del Raganello, tra le vittime anche una guida di 32 anni: fu tra i soccorritori di Rigopiano con la Protezione Civile

next