Approdo senza sbarco per la nave della Guardia Costiera italiana ‘Ubaldo Diciotti’ con a bordo i 177 migranti salvati in un’unica operazione di soccorso al largo di Lampedusa la notte tra il 15 e il 16 agosto. Il pattugliatore dopo essere stato per giorni in rada davanti alla costa dell’isola di Lampedusa ha fatto rotta verso il capoluogo etneo dove è arrivato lunedì sera poco dopo le 23.30.

Questa mattina, davanti al molo di Levante, la rete Antirazzista di Catania e tante altre associazioni hanno manifestato contro il comportamento del governo Conte e, in particolar modo, contro la scelta del ministro Salvini di non procedere con le operazioni di sbarco. Ad osservare il presidio anche alcuni lavoratori del porto che hanno dichiarato di essere invece favorevoli al blocco degli arrivi e di non approvare il comportamento dei manifestanti.

Al Porto di Catania indicato come ‘porto sicuro’ e come ‘scalo tecnico’ non è stato autorizzato né previsto alcuno sbarco in attesa del piano di ripartizione dei migranti tra i Paesi dell’Unione Europea. Secondo ‘Save the children’ a bordo ci sarebbero diversi minorenni e 28 di questi non accompagnati.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Calabria, Costa: “Al 99% non ci sono più dispersi. Ora accertare le responsabilità, questi sono morti che urlano”

prev
Articolo Successivo

Gole del Raganello, tra le vittime anche una guida di 32 anni: fu tra i soccorritori di Rigopiano con la Protezione Civile

next