Botta e risposta al vetriolo a Omnibus (La7) tra il segretario della Fim Cisl, Marco Bentivogli, e l’ex sindaco di Roma, Gianni Alemanno. Il primo motivo della polemica è il decreto di dignità, sul quale Bentivogli è tranchant: “Questo decreto, purtroppo, è figlio di due estensori, che sono i consulenti giuridici più ideologici della Cgil, con una idea pre-novecentesca del lavoro. E affidare a loro la scrittura del decreto di dignità è come consegnare i corsi pre-matrimoniali a Fabrizio Corona. Questa legge non ha nulla a che vedere con la riduzione della precarietà. Invito tutti, anche Alemanno, a leggere il testo del decreto. C’è bisogno di parlare di lobby e potentati economici per distrarre l’analfabeta funzionale che non capisce il testo di una legge, per cui si affida a una lettura banale”. “Illuminaci tu, allora, visto che sei ben informato”, risponde Alemanno. “Io provo con l’illuminazione” – replica Bentivogli – “quando passiamo al sale, tocca a te”. Il sindacalista poi attacca il ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, e la Lega: “Se Bagnai e Borghi incontrano gli investitori e questi subito dopo dicono di voler lasciare l’Italia, perdiamo investimenti e ricchezza e soprattutto lavoro”. Poi polemizza ancora una volta con Alemanno: “La sicurezza di un Paese non la danno solo le forze dell’ordine e la magistratura, capisco che questo nella cultura politica di Alemanno sia difficile da capire. Per lui la sicurezza si ottiene solo con il bastone”. “Ma roba da pazzi”, commenta l’ex sindaco di Roma. Bentivogli ribatte citando “gli amici di Alemanno”. Il politico controbatte menzionando Calenda. E il sindacalista insorge: “Meglio farsi le foto con Calenda che con i Casamonica“. L’atmosfera si surriscalda e il conduttore dà immediatamente la linea alla pubblicità.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Comi vs Borghi: “Col dl dignità ogni giorno 36% imprenditori lascia Italia. Anzi 100 miliardi. Lo dice Brunetta”

prev
Articolo Successivo

Ilva, Di Maio: “Scelte a ferragosto, legge dirà cosa fare. Air Force Renzi? Simbolo del narcisismo di quel personaggio”

next