L’incubo ricorrente di chi si mette alla guida, soprattutto in autostrada? Imboccare una corsia contromano. Soprattutto perché le conseguenze di un’azione del genere sono da non augurarsi mai: la maggior parte degli incidenti tra veicoli contromano comportano infatti ferimenti con lesioni gravi e vittime, in numero più alto rispetto ad altri tipo di sinistri.

I motivi per cui si sbaglia sono diversi. Dalla stanchezza di chi è al volante alla segnaletica stradale poco chiara, passando magari per condizioni meteo avverse che limitano molto la visibilità. Per non parlare della guida in stato di ebbrezza o magari sotto l’effetto di stupefacenti.

E’ per questo che gli ingegneri della Ford hanno pensato di ovviare al problema con il dispositivo Wrong Way Alert. Come funziona? Potremo definirlo un upgrade della già esistente tecnologia di riconoscimento della segnaletica stradale: grazie ad una telecamera sistemata sul parabrezza, infatti, il sistema si “accorge” del divieto di accesso posizionato sulle rampe autostradali o quelle di strade a scorrimento veloce. A questo punto, nel caso venisse da questi ignorato, provvede a segnalarlo al guidatore con avvisi sonori e visivi, proiettati sul quadro strumenti (come nella foto sopra) o sull’head-up display.

Questo tipo di tecnologia, testata nel Centro Prove Ford di Lommel (Belgio) utilizzando ambienti di guida virtuale appositamente predisposti, sarà disponibile inizialmente per i clienti austriaci, tedeschi e svizzeri che sceglieranno una Ford Focus.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Auto in sosta col motore acceso per il condizionatore? Si rischia multa fino a 432 euro

prev
Articolo Successivo

Emissioni auto, test irregolari in Giappone per Suzuki, Mazda e Yamaha

next