Contro l’assoluzione della corte d’appello di Firenze la procura generale, con il sostituto Vilfredo Marziani, ha presentato ricorso in Cassazione. Lo riporta il quotidiano La Nazione. Il 7 dicembre per gli ex vertici di Mps Giuseppe Mussari, Antonio Vigni e Gian Luca Baldassarri era stato dichiarato un verdetto di non colpevolezza rispetto all’accusa di ostacolo alla vigilanza di Bankitalia. Cuore del processo la ristrutturazione del derivato Alexandria e soprattutto l’aver celato, stando all’accusa, in una cassaforte della banca il contratto mandate agreement con la banca giapponese Nomura. L’accordo con la banca giapponese ufficialmente ritrovato nell’autunno 2012 in una cassaforte collegava il derivato che stava azzerando i conti di Siena con l’acquisti di titoli di Stato che avrebbe portato la banca al definitivo collasso.

In primo grado, con sentenza emessa il 31 ottobre 2014 dal Tribunale di Siena, Mussari era stato condannato per concorso in ostacolo alla vigilanza a 3 anni e 6 mesi di reclusione e cinque anni di interdizione dai pubblici uffici. La stessa pena stata inflitta a Vigni e Baldassarri. In secondo grado i tre imputati vennero tutti assolti perché il fatto non costituisce reato. Il pg Marziani aveva chiesto in appello una condanna maggiore, a 7 anni per Mussari, e a 6 anni per Vigni e Baldassarri ritenendo che gli imputati volontariamente non dissero agli ispettori di Bankitalia del contratto. Tuttavia, anche le difese dei tre imputati hanno presentato ricorso in Cassazione per chiedere che le assoluzioni siano per non aver commesso il fatto (e non ‘perché il fatto non costituisce reato), volendo sottolineare con questa formula assolutoria che non ci fu nessuna volontà degli imputati di nascondere i documenti agli ispettori della Vigilanza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ferrovie dello Stato, Toninelli annuncia le nomine: “Battisti ad e Castelli presidente. Scelti due manager interni”

next
Articolo Successivo

Ilva, i commissari: “A settembre finiscono i soldi in cassa. Necessari 132 milioni di euro per arrivare a dicembre 2018”

next