Ci si stressa tutto l’anno, in attesa delle vacanze. Ma a ben vedere l’anticamera di queste, ossia la preparazione dei bagagli, può essere anch’essa fonte di grande inquietudine. Specie se poi si decide di partire in macchina e tutto quell’armamentario bisogna farcelo entrare, in qualche modo.

A venire in aiuto di automobilisti e famiglie c’è la Seat: il marchio spagnolo del gruppo Volkswagen ha deciso di chiedere lumi alla scrittrice giapponese Marie Kondo, esperta di economia domestica e semplificazione, che assieme agli esperti della casa di Barcellona ha messo a punto una sorta di prontuario (basato sul suo metodo KonMari) su come sfruttare al meglio lo spazio a bordo. Ma anche su come mantenersi psigologicamente sereni mentre lo si fa.

Ecco dunque le cinque raccomandazioni del, per così dire, sodalizio ispano-nipponico a riguardo. Primo, la regola del “meno è meglio”: fate una lista di vestiti, oggetti e accessori, metteteli in terra e osservateli. Provando a immaginare a cosa rinunciare, facendo comunque una vacanza perfetta, e di fatto a eliminarlo. Una volta fatta questa selezione, è necessario dividere tutto in gruppi: l’abbigliamento da una parte, le calzature dall’altra, e lo stesso per medicine, giocattoli e oggettistica varia.

C’è poi da “confezionare” le valigie, dentro le quali i vestiti devono essere arrotolati e sistemati verticalmente: una tecnica, spiega la Kondo, che “richiede meno meno spazio e permette di vedere tutto in una volta”. Una volta fatto questo, la raccomandazione è quella di sfruttare per intero la capienza messa a disposizione dall’auto, sistemando le valigie (indietro quelle più pesanti, avanti quelle leggere) e poi gli spazi rimasti tra l’una e l’altra con le cose  rimanenti. Un pò come giocare a Tetris, insomma. Anche perché le auto di oggi sono piene di vani portaoggetti, dove ad esempio si consiglia di riporre quel che dev’essere a portata di mano durante il tragitto (acqua, fazzoletti, cibo etc.).

Tutto chiaro? Lo sapevate già? Forse quel che non sapete è che la sistemazione del bagaglio è essa stessa garanzia di un viaggio senza inconvenienti. Come spiega l’ing. Javier Delgado di Seat, infatti, “se non sistemiamo le cose in modo corretto, una frenata o una manovra improvvisa potrebbe farle spostare o volare in avanti e mettere a repentaglio la sicurezza”. E ricorda che ”quando si viaggia a 100 km/h, in caso di frenata improvvisa un oggetto di 30 kg si trasforma in un proiettile da 90 kg, in quanto moltiplica il suo peso tre volte“. Capito?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sergio Marchionne e il quarto potere. Il doppio binario della comunicazione “maglionata”

prev
Articolo Successivo

Jeep prova bloccare il “clone” Mahindra pronto a invadere il mercato Usa

next