Un incendio di enormi dimensioni è divampato in una di stoccaggio e smaltimento di materiale di imballaggio carta e plastica del gruppo De Gennaro. Si tratta di uno degli impianti di raccolta rifiuti  più grandi del Meridione, situato nella zona industriale di Pascarola, a Caivano, nell’area nord di Napoli. Una colonna di fumo nero e denso si è alzato in cielo ed è visibile a decine di chilometri. “Il rischio è di un nuovo disastro ambientale è altissima e anche la possibilità che si tratti di un incendio di natura dolosa – ha commentato il consigliere regionale Emilio Borrelli – Per questo chiediamo subito alla magistratura di intervenire per capire cosa può aver generato un simili rogo che ha generato una colonna di fumo altissimo e nero che rende l’aria irrespirabile a distanza di chilometri. Si tratta di una nuova tragedia ambientale che segue a poca distanza quella di San Vitaliano e che pone domande inquietanti sui sistemi di sicurezza di questi impianti che lavorano i rifiuti” Sul posto 4 autobotti dei vigili del fuoco, i carabinieri e il personale dell’Arpac

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Torino, lascerà presto l’ospedale Israel, il bimbo nato da nigeriana respinta alla frontiera: “Pesava solo 7 etti, ora 4 chili”

prev
Articolo Successivo

Autostrade, nuovi tutor in funzione da venerdì. Stessi punti, nuova tecnologia

next