Sono state giornate epiche, orde di tecno sognatori affastellati a progettare complotti di amore per la natura e perfino per gli esseri umani, un’auto elettrica del 1891, funzionante, italiana, eravamo i primi in Italia! Una Tesla che venderesti l’appartamento per comprarla, ma poi ci dovresti abitare dentro. Dario Tamburrano che ha costruito con le sue manine di parlamentare europeo pezzi di ricambio per attrezzature dentistiche in 3d e un catamarano che trasporta 3 persone a 3 km/h con un pannello fotovoltaico da 100 watt; una tromba d’aria su Padova che abbiamo ordinato apposta per chi c’avesse ancora dubbi sul cambiamento climatico, una sostanza magica prodotta dai batteri che si mangiano la cacca e poi scoreggiano e producono il biogas che ci mandi l’automobile e quel che resta lo metti sui campi senza arare e si verticalizza l’humus, funghi e batteri agricoli a pioggia.

E come se non bastasse isole di bottiglie di plastica sul lago di Iseo che disinquinano il lago medesimo, con piante e filtri solari e un ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, che ti dice che in effetti anche lui è d’accordo sul nostro piano diabolico per abolire progressivamente il diesel e sostituirlo con il gas e salvare la pelle a migliaia di italiani “smogavvelenati”. Intanto che aspettiamo la mobilità elettrica di massa, è una priorità. E un sottosegretario all’Istruzione, Lorenzo Fioramonti, che dichiara che gli piace l’idea di proporre agli studenti di studiare l’efficienza energetica della loro scuola e poi organizzare i lavori per migliorarla (un’alternanza scuola-lavoro veramente appassionante!). E un gruppo di toscani che vogliono fare il teleriscaldamento a Padova, che a Parigi già 40 quartieri si riscaldano e raffreddano con il calore sotterraneo che gli incomprensibili chiamano geotermia per darsi delle arie. E Michele Dotti che presenta il suo nuovo grandioso spettacolo Siam mica qui a farci salvare dai panda.

Professori universitari di rara bellezza, un assessore all’Ambiente di una levatura scientifica che levati, donne muscolarmente sopraelevate, uomini con delle natiche da urlo, sogni dappertutto anche per terra che c’hai paura di inciamparci, ragazzi che mi dicono che hanno risolto i problemi sessuali grazie a me, ragazze che mi dicono che hanno l’energia elettrica gratis grazie a ragazzi che avevano problemi sessuali prima di conoscere me.Un livello di gratificazione allucinante.

Fabio Roggiolani che tenta di addentare un finto produttore di roba finta ecologica e dobbiamo toglierglielo dalla chele prima che gli stacchi dei pezzi. Sergio Ferraris, ormai regista, che sfrigola contemporaneamente su otto computer ed è questo che innesca una reazione a catena con un impianto solare portatile e due pale eoliche e un refrigeratore a ventola da 20 euro ecologico ed è questo che scatena in realtà la tromba d’aria di cui sopra ma non lo ha fatto apposta, dice lui.

E Simone Canova che si fa raccontare la vita da decinaia di imprenditori, inventori, gruppidacquististi, associatori, professori, ballerini sardi e cooperatori che hanno preso la scossa e non si sono più ripresi, più una persona gentilissima che è l’unico caso al mondo di uno che è restato ferito nell’esplosione di una cisterna d’acqua di un impianto idroelettrico che nessuno ha capito come c’è riuscito ma è stato doloroso. Maghi, cantanti, idraulici, ventriloqui, sceneggiatrici di spettacoli comici, bambini in cerca di un tesoro nascosto, boy-scout, Andrea Grigoletto e la banda del parco la Fenice green park a raddrizzare alberi abbattuti, ma non piangete perché sono salici e si riprendono.

230 mila persone che hanno visualizzato le visualizzazioni, una sintesi ogni giorno su IlFattoQuotidiano.it che ci vuole bene. Insomma: molto entusiasmo e molti fatti. Mo’ due giorni a letto a stare zitti. Grazie a tutti, sciocchi esseri umani che ancora credete alla gioia della collaborazione!

Prossimo appuntamento alla Libera Università di Alcatraz per tutto agosto: giriamo video comici, facciamo canzoni e proviamo pezzi teatrali, foto, dipinti, fotomontaggi e fake news divertenti, ci connettiamo con il mondo, progettiamo guerriglia pacifica eco compatibile, connettiamo l’inconnettibile a bordo piscina. Volendo puoi collegarti dall’Alaska perché siamo in diretta Facebook a oltranza. Praticamente un web corteo.

Se il pianeta è verde, nessuno ci perde!