Una tromba d’aria ha colpito l’area dell’Ilva di Taranto sollevando le polveri del parco minerali, che hanno oscurato il cielo colorandolo di rosso. Lo dimostrano alcuni scatti pubblicati sui social e condivisi da centinaia di persone. Tra questi, anche il deputato del M5s, Giovanni Vianello, che attacca: “Il mostro va chiuso”.

“Non saranno le prescrizioni ad impedire gli eventi di malattia e morte”, scrive su Facebook il deputato tarantino del Movimento Cinque Stelle. “In questo momento il vento forte che sta soffiando – sottolinea il parlamentare – sta alzando le polveri del parco minerali e le sta portando all’esterno della fabbrica”.

“Nonostante l’impressionante nube che fa sembrare questa parte di Taranto al pari di un inferno, non è questa la cosa più pericolosa (il che è tutto dire): quello che è più pericoloso – afferma Vianello – sono le nano particelle di Ipa e diossine che vengono emesse dalle cokerie e dall’agglomerato, molto più letali e non visibili a occhio umano”. Per questo, conclude “il mostro va chiuso”. La foto, pubblicata sulla pagina Facebook ‘Taranto è lui”, è stata condivisa da centinaia di persone, tra cui esponenti politici, ambientalisti e rappresentanti sindacali.

L’episodio – che si è verificato diverse volte in giorni di wind days che colpiscono la città – arriva in giorni molto delicati per il futuro del siderurgico, dopo il parere di Anac e la polemica tra l’ex ministro Carlo Calenda e l’attuale titolare del Mise, Luigi Di Maio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Consumo di suolo, storie di resistenza dal bosco di Bologna al borgo di Montefiore

prev
Articolo Successivo

Ecofuturo 2018, ti strapazzo il carbone con un mulino a vento portatile

next