I carabinieri di Torino hanno fermato l’uomo che il 30 giugno tentò una rapina nel supermercato Presto Fresco in via Mercadante, sventata da Ewansiha Osahon,un 27enne nigeriano richiedente asilo. Le telecamere hanno filmato la scena della rapina in cui si vede il migrante trattenere il rapinatore, Ermes Simone Marinelli, un torinese di 28 anni, già noto alle forze dell’ordine. Il migrante mentre tratteneva il ladro gli aveva scostato il cappuccio della felpa permettendo così l’identificazione.

Marinelli ha deciso di costituirsi dopo che i carabinieri sono andati a casa a cercarlo: ha confessato la tentata rapina e una serie di altri colpi messi a segno tra giugno e luglio nella zona Nord di Torino. L’uomo ha raccontato anche che dopo aver fallito la rapina in via Mercadante, ha tentato di svaligiare la cassa del discount In’s in via Gottardo senza però portare a termine la rapina. Era invece riuscito a portar via l’incasso di un altro Presto Fresco in via Valdengo.

Ewansiha Osahon il giorno della rapina si trovava davanti al punto vendita di via Mercadante per chiedere la carità. Quando aveva visto il rapinatore minacciare la cassiera con un coltello per estorcerle il denaro era subito entrato in azione per fermarlo, l’aggressore aveva allora cercato di accoltellarlo, poi si era divincolato e fuggito prima dell’arrivo dei carabinieri. Odahon vive a Torino da qualche mese: una volta sbarcato in Calabria, ha ottenuto il permesso di soggiorno per motivi umanitari dalla questura di Cosenza.

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Piacenza, barista stuprata per ore nel suo locale dopo essere stata imbavagliata

prev
Articolo Successivo

Daniela Poggiali, Cassazione annulla l’assoluzione: disposto l’appello bis per l’infermiera accusata di omicidio

next