Stava chiedendo l’elemosina davanti al supermercato e – quando si è accorto che era in corso l’ennesima rapina – è intervenuto e ha bloccato il bandito, costringendolo alla fuga. Protagonista dell’episodio, avvenuto in centro a Torino, Ewansiha Osahon, un 27enne nigeriano richiedente asilo.

Il fatto è avvenuto sabato scorso, ma se ne è avuta notizia solo oggi. Ewansiha Osahon si trovava davanti al punto vendita di via Mercadante per chiedere la carità. A un certo punto ha visto che un rapinatore, un italiano secondo i primi accertamenti dei carabinieri, stava minacciando la cassiera con un coltello per estorcerle il denaro contenuto nella cassa. Il nigeriano è entrato nel supermercato e ha bloccato il malvivente da dietro. L’aggressore, dopo avere cercato di accoltellare lo straniero, è riuscito a divincolarsi e a far perdere le proprie tracce prima dell’arrivo dei carabinieri. Durante la colluttazione, tra l’altro, la cassiera è stata colpita dal rapinatore con un pugno al costato. Non è la prima volta, tra l’altro, che quel supermercato davanti al quale Osahon chiede l’elemosina finisce nel mirino dei rapinatori: si tratta del terzo tentativo nel giro di due settimane.

Odahon vive a Torino da qualche mese: una volta sbarcato in Calabria, ha ottenuto il permesso di soggiorno per motivi umanitari dalla questura di Cosenza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, la coop è finita nei guai e ha smesso di pagare. Sfrattati 80 rifugiati sudanesi: “Non siamo criminali. La Raggi ci incontri”

prev
Articolo Successivo

La Pira, primo passo di Bergoglio verso la beatificazione dell’ex sindaco di Firenze che voleva il dialogo con il mondo arabo

next