Marco Baldini, il conduttore radiofonico ex spalla di Fiorello su Radio 2, è stato vittima di usura da parte del clan Casamonica. A rivelarlo Michele Prestipino, procuratore aggiunto della Distrettuale antimafia di Roma, durante la conferenza stampa sull’operazione che ha portato all’arresto di numerosi esponenti della famiglia sinti romana, del clan Spada e di un appartenente alla cosca ‘ndranghetista degli Strangio.

Baldini ha ricevuto un prestito di 10.000 euro ed è stato costretto a restituire, per il tramite dell’imprenditore aquilano Enrico Migliarini, la bellezza di 600.000 euro, ad un tasso annuo che ha raggiunto quota 1000 percento.

Il dj in passato ha avuto seri problemi economici legati al gioco d’azzardo di cui non ha mai fatto mistero. Come Baldini, tante le famiglie vittime di usura, estorsione e racket, come riferito dagli inquirenti. Alcune di loro hanno contribuito alle indagini “durate anni”, come sottolineato dallo stesso Prestipino. 

Fra i testimoni chiave anche due collaboratori di giustizia e la ex compagna di uno degli arrestati. “È molto importante – ha commentato il procuratore aggiunto – rappresenta un vulnus importante sull’area di impenetrabilità” del clan.

Per il resto si confermano la struttura e le attività del clan, che dai tempi della manovalanza in favore dei boss della Magliana (Enrico Nicoletti su tutti) ha fatto un notevole “salto di qualità” stando alla ricostruzione dell’inchiesta. Gli inquirenti hanno scoperto, infatti, solide unioni con le famiglie più influenti della ‘ndrangheta calabrese, e nuove roccaforti non solo nelle storiche borgate romane come Romanina e Tor Vergata ma anche nelle più “centrali” Porta Furba e Appio Tuscolano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Migranti, in 4 si tuffano per raggiungere a nuoto i soccorritori: annegati. Salvini alle ong: “Si scordino i porti italiani”

prev
Articolo Successivo

Decreto terremoto, sit-in dei comitati: “Mancano nostre proposte, da nuovo governo ci aspettavamo più concretezza”

next