A pochi mesi dall’uscita nelle sale cinematografiche Sky Cinema presenta IO C’È, il film prodotto da Fulvio e Federica Lucisano, una produzione Italian International Film con Vision Distribution e diretto da Alessandro Aronadio (I peggiori, Due vite per caso), in prima tv lunedì 16 luglio alle 21.15 su Sky Cinema Uno e disponibile anche on demand.

Massimo Alberti (Edoardo Leo, Noi e la Giulia, Perfetti Sconosciuti) è il proprietario del “Miracolo Italiano”, bed and breakfast un tempo di lusso ormai ridotto ad una fatiscente palazzina. La crisi che ha messo in ginocchio la sua attività sembra però non aver toccato i suoi vicini, un gruppo di suore che gestiscono un convento offrendo ai turisti una sistemazione in cambio di una donazione spontanea. Quindi esentasse.

Massimo ha un’illuminazione e decide che per sopravvivere deve necessariamente trasformare il “Miracolo Italiano” in luogo di culto e fondare una sua religione.

Nasce così lo “Ionismo”, la prima fede che mette l’IO al centro dell’universo. Ad accompagnare Massimo nella sua missione verso l’abolizione di tasse e contributi, la sorella Adriana (Margherita Buy, Io e lei, Nemiche per la pelle), irreprensibile commercialista, e Marco (Giuseppe Battiston, Perfetti Sconosciuti, La felicità è un sistema complesso), scrittore senza lettori e ideologo perfetto del nuovo credo.

Una commedia incentrata sulla religione che affronta in chiave comica una tematica sensibile che – come racconta il regista Aronadio – “si evita come la peste, per scongiurare la gaffe, il politicamente scorretto, la polemica, se non il pericolo: viviamo in un momento storico in cui ci si uccide perché si crede, se vogliamo, semplicemente in storie diverse”.

Il film racconta una religione che “parte dal basso”: al centro dello Ionismo c’è l’Io e non Dio. Un concetto che per il regista assume una veste molto contemporanea.

“Trovo che ci sia qualcosa di intrinsecamente comico nelle religioni: gli abiti liturgici, le storie che raccontano» ha dichiarato Aronadio «In questo film io riporto esattamente credenze e precetti di vari culti: se questi susciteranno risate, la responsabilità non sarà di certo mia. Per intenderci, non c’è niente di più grottesco di alcuni passaggi di testi sacri, di alcuni riti, di alcune regole, se li approcci con sguardo laico”.

Arricchiscono il cast anche Massimiliano Bruno (Maschi contro femmine, Beata ignoranza) in quelli di Teodoro e Giulia Michelini (Immaturi, A casa tutti bene) nei panni di Teresa.

IO C’È in prima visione lunedì 16 luglio alle 21.15 su Sky Cinema Uno e disponibile anche on demand.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ingmar Bergman, a 100 anni dalla nascita impressioni su sette capolavori del regista che abitava sempre nei suoi sogni

prev
Articolo Successivo

Tra fiction e realtà, i veri scienziati non sono come Frankenstein Junior

next