Foodora sta continuando a investire in Italia, un Paese che ha grandi potenzialità. Non c’e’ assolutamente alcun interesse a lasciare il Paese, anzi vogliamo diventare leader del settore”. Lo ha detto l’amministratore delegato di Foodora, Gianluca Cocco, a margine del Festival del Lavoro, a Milano. Nei giorni scorsi, in una intervista, Cocco aveva detto che, se si fossero realizzate le anticipazioni del ministro del Lavoro, Luigi di Maio, in tema di regolamentazione del settore, Foodora sarebbe stata costretta a lasciare l’Italia. Il 2 luglio ci sarà un incontro al ministero del lavoro e Foodora presenterà una propria proposta

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Call center, lavoratori Comdata in sciopero il 29 giugno: “A Milano assume, a Padova e Pozzuoli 264 posti a rischio”

prev
Articolo Successivo

Italiaonline, lavoratori in sciopero: “Sabato cercheremo Di Maio ovunque sia e bloccheremo Torino”

next