I lavoratori della sede di Torino di Italiaonline sono in sciopero e sabato faranno un presidio davanti alla Prefettura e cercheranno di incontrare il vicepremier Luigi Di Maio “ovunque si trovi”. La decisione è arrivata durante un’assemblea presso la sede della Cgil, dopo che giovedì l’incontro al ministero del Lavoro si è chiuso con un nuovo nulla di fatto. L’azienda (ex Seat Pagine Gialle, fusa da due anni nella Italiaonline del magnate egiziano Naguib Sawiris) vuole infatti ancora tagliare 300 posti, contro i 400 iniziali. ‘”Andremo avanti con la lotta con più forza che mai. Bloccheremo la città”, annunciano i lavoratori, che si riuniranno davanti alla sede di corso Mortara e attraverseranno in corteo la città. Anche domenica saranno in presidio in centro e partiranno con i pullman per Roma alle 23 dalla sede di Torino di Italiaonline.

Le segreterie nazionali Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil avevano anticipato che “una qualsiasi trattativa può proseguire solo a fronte del ritiro dei licenziamenti coatti e il blocco dei trasferimenti previsti. Italiaonline è infatti un’azienda che fa utili importanti come dimostrano i bilanci aziendali. Chiediamo che la politica intervenga impedendo che si proceda a licenziamenti coatti in aziende in ottima salute che peraltro erogano cospicui dividendi agli azionisti”.

Ora i lavoratori intendono consegnare al ministro Di Maio una lettera in cui gli ricordano che il 3 luglio potrebbero ricevere la lettera di licenziamento. “Siamo alla fine di questa paradossale vicenda – scrivono rivolgendosi al ministro – l’ultimo incontro si terrà al Ministero del Lavoro lunedì 2 luglio. Le chiediamo di essere presente e di dare gamba alla buona politica scongiurando questo finale dissennato“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Rider, Cocco (ad Foodora): “Continuiamo a investire in Italia, nessun interesse a lasciare il Paese”

next
Articolo Successivo

Voucher, Maresca (Università Sapienza): “Da riprendere. Sono una soluzione per i lavori occasionali”

next