Nella politica italiana asservita al bullismo dimostrativo di Matteo Salvini dopo essere stata annichilita per un ventennio dalle gag imbonitorie spacciate per comunicazione da Silvio Berlusconi, in questo susseguirsi di pataccari aureolati da grandi leader, niente eguaglia per delusione e vacuità l’attuale dibattito sull’ipotetica rifondazione della sinistra. Un tema su cui trovi a discettare consiglieri altamente improbabili (e a tutto interessati fuorché al tema) quali Paolo Mieli o Francesco Rutelli. Fermo restando un tema impellente, se si conviene dell’urgenza di creare plausibili alternative al trucido egemonismo leghista.

E invece questo dibattito in corso nelle ridotte della sinistra organizzata che fu, laddove non viene sterilizzato dai renziani (rottamati dalla storia, eppure incistati maggioritariamente negli organigrammi del Pd e pervicacemente intenzionati a difendere un’idea di potere ormai illusoria), evidenzia la totale mancanza di capacità analitiche finalizzate all’innovazione politica. L’estenuante ritorno di un riflesso condizionato che scatta da mezzo secolo: copiare gli argomenti degli avversari.

Esattamente l’opposto di quanto raccontava lo storico inglese Eric Hobsbawm, riferendo la tattica suggerita dal ministro vittoriano Benjamin Disraeli ai colleghi conservatori: “sorprendere i progressisti mentre stanno facendo il bagno e filarsela con i loro vestiti”. La ricetta della destra diventata l’oggetto del desiderio a sinistra, a partire dai successi elettorali di Ronald Reagan e Margareth Thatcher, presentata come brand vincente con il logo “terza via”.

Una mancanza di originalità da tempo punita dall’elettorato e defezionata dai militanti e che risuona anche oggi in tutti i talk show, dove pensosi leader senza seguito e commentatori condiscendenti confluiscono sulla tesi che le sconfitte progressiste derivano dal non aver colto i segnali forti che le antenne reazionarie hanno convertito in successi elettorali. E riparte la solita tiritera: sicurezza e immigrati, immigrati e sicurezza. Per cui la rifondazione a sinistra dovrebbe ridursi all’ennesima omologazione furbesca come scopiazzatura delle agende altrui. Quindi le menate dell’ascolto, dello stare in mezzo alla gente e altri preliminari trasformati da partiti in cerca d’autore in pietre filosofali d’alta politica.

A nessuno viene in mente che il vero problema è quello della propria specificità, la capacità di leggere dietro il terrorismo dei reazionari (la microcriminalità seppure in diminuzione, visto che corruzione e grande criminalità non turbano i benpensanti; la presunta alluvione etnica) palesi manipolazioni della realtà a scopo propagandistico. Perché il vero tema dell’oggi (al di là dei mimetismi del comando reazionario) è il ritorno delle diseguaglianze in crescita esponenziale; senza la denuncia delle cui cause gli interventi per lenire povertà nuove e vecchie si riducono a beneficenza. Un diffondersi delle diseguaglianze che non cala dal cielo ma si realizza mediante strategie mirate, a partire dall’azzeramento del lavoro come soggetto politico. Opera iniziata già negli anni Cinquanta con le rivoluzioni organizzative delle attività logistiche portuali fino a giungere oggi con le bubbole dell’impresa 4.0 (al di là dei novismi di maniera, sostituire lavoro vivo con quello morto dell’automazione robotizzata).

Sul tema delle diseguaglianze il Labour del vecchietto terribile Jeremy Corbyn ha saputo ringiovanirsi, le indignazioni fattesi movimenti hanno rivitalizzato la politica nel mondo iberico, portando alla ribalta nuovi speaker altamente credibili quando propongono un messaggio che intende caratterizzare le nuove frontiere del progresso democratico in termini egualitari, coniugando la libertà con la giustizia. Ben diversi da personaggi incredibili o usurati dalla nascita proposti dalle nostre parti come nuovo che avanza; tipo il pigolante Paolo Gentiloni, già portavoce rutelliano nella Margherita, o il tecnocrate macroniano alla amatriciana Carlo Calenda, già portaborse di Luca Cordero di Montezemolo in Confindustria. O l’antico funzionario “piccì” Nicola Zingaretti.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Vitalizi, cosa prevede delibera Fico per il taglio: ricalcolo contributivo e tetto massimo per chi ha più di 4 legislature

next
Articolo Successivo

Copyright, Tajani: “Spero che il governo non sia con Di Maio contro la riforma. Paga lui gli stipendi ai giornalisti?”

next