In Italia, dalle macerie di Pd e sinistra emergono due nomi che potrebbero dare speranza ai progressisti, al di là di annunci e proclami della nomenclatura di partito disintegrata elezione dopo elezione.
Aboubakar Soumahoro, 38 anni, italo-ivoriano, leader di un piccolo sindacato, l’Usb, si batte per i diritti dei braccianti, nuovi schiavi, spesso clandestini, utilizzati nella raccolta dei pomodori, delle arance, nel lavoro nei campi del Sud, per quell’Italia che adesso con il ministro Matteo Salvini vorrebbe cacciarli. Soumahoro ha conquistato pagine e copertina (bellissima quella de L’Espresso) dopo le sue proteste e le sue denunce per l’omicidio del maliano Soumalya Sacko, sindacalista dell’Usb anche lui, avvenuto in Calabria a inizio giugno. Domenica scorsa a Reggio Calabria hanno sfilato con Soumahoro duemila persone.

E Elly Schlein, 33 anni, europarlamentare socialista(Possibile), capace nel dicembre scorso di ottenere due terzi di voti nel Parlamento di Bruxelles (hanno votato contro: i conservatori, le destre lepeniste e il M5s; la Lega si è astenuta) su un testo di riforma del regolamento di Dublino su richieste d’asilo e accoglienza ai migranti. Con interventi in aula, la giovane Schlein, ha messo in risalto le contraddizioni dei governi di Germania e Francia, dell’Italia, del M5s e di  Salvini, che è stato anche europarlamentare. Adesso è l’anima dell’organizzazione di una manifestazione – a cui hanno già aderito molte organizzazioni, associazioni e personalità – diffusa in tutte le capitali d’Europa: chiede di presentarsi mercoledì 27 giugno con delle barchette di carta in piazza per protestare contro l’atteggiamento fascista delle destre europee (tra cui Lega e M5s) e a sostegno della “sua” riforma che continuerebbe a garantire il doveroso soccorso in mare e l’accesso al porto sicuro più vicino, ma che dividerebbe in quote fra gli Stati europei dell’Unione i migranti durante l’iter di richiesta di protezione, oggi costretti ad essere bloccati burocraticamente nel Paese di sbarco, spesso l’Italia o la Grecia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Volvo S60, debutta la prima auto della casa svedese costruita negli Usa – FOTO

prev
Articolo Successivo

Decreto dignità: nella bozza limiti ai contratti a termine, multe per chi delocalizza e stop a pubblicità azzardo

next