Craxi e Berlusconi sono stati per lei importanti per la sua carriera?”. Francesca Fagnani affronta con la sua seconda super ospite di Belve”, Alda D’Eusanio, stasera alle 22.45 su NOVE, il capitolo delle raccomandazioni politiche in Rai, vere o presunte. “Lei se ne è sinceramente avvantaggiata?”, chiede la giornalista che riceve una risposta molto piccata. “La mia carriera nasce nel 2000, chiaro? Se Bettino Craxi fosse ancora in Italia – spiega D’Eusanio – credo sarei a pulire i bagni al Tg2 Notte della Rai che era considerata la cayenna del telegiornale, dove mandavano quelli che non dovevano emergere”. Fagnani incalza: “Le cito, ma solo perché è storia, due intercettazioni telefoniche famosissime: nella prima, era il 1995, lei parlando con Craxi gli dice: ‘Ti do un bacino sulla bua’ e un’altra in cui, sempre al telefono con l’ex leader del Psi che era latitante ad Hammamet perché coinvolto in Tangentopoli, afferma: ‘Se mi riesce una cosa, sarò la tua voce’. La conduttrice televisiva spiega: “Bettino era depresso e aveva un’ernia cervicale. Gli dico: ‘Come stai?’. ‘Ho un dolore all’ernia terribile’, mi risponde. E io gli faccio: ‘Maddai su che ti do un bacino sulla bua e ti passa’, un linguaggio che una persona utilizza nei confronti di un amico vecchio e malato, non nei confronti di un amante”. E prosegue: “Beh, per tutti quelli che vedevano in me la strega, solo perché non rinnegavo l’amicizia con Craxi, hanno visto l’ernia dalla cervicale scesa all’inguine e mi sono ritrovata a essere l’amica di Craxi e a fare all’ex premier i cosiddetti, come dicono in Romagna, ‘soffoconi‘”.

“Belve” (4 nuovi episodi da 30’) è una serie originale prodotta da Loft Produzioni per Discovery Italia e sarà disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play). NOVE è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, Sky Canale 145 e Tivùsat Canale 9. Nella prima puntata della seconda stagione, Francesca Fagnani ha intervistato Simona Ventura.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La Confessione, Ilona Staller ospite di Peter Gomez: “Ero una spia per gli 007 ungheresi. Ho temuto mi uccidessero”

prev
Articolo Successivo

Belve, Alda D’Eusanio contro la Rai: “Hanno fatto di me carne di porco, mi toglievano i programmi per darli ad altri”

next