A ‘La Confessione’, stasera alle 23.55 su Nove, la pornostar Ilona Staller, in arte Cicciolina, ospite di Peter Gomez, racconta il romanzo della sua vita: la fuga dall’Ungheria comunista, i film hard, l’ingresso in Parlamento e la battaglia, in ultimo, a difesa dei vitalizi. “Lei è stata una spia dei servizi segreti ungheresi, nome in codice ‘Coccinella’: mi spiega come avveniva il reclutamento?”, chiede il giornalista. Staller ricorda quando, a vent’anni, tirava a campare nella Budapest comunista: “Sono andata a lavorare come cameriera in uno dei più grandi hotel sul Danubio, l’Intercontinental. Un giorno – rivela – la direttrice mi chiama in privato dicendomi: ‘Tre persone la stanno cercando, vorrebbero conoscerla’”. Sulle tracce della donna ci sono i servizi segreti dell’Europa dell’Est. L’ex parlamentare radicale aggiunge altri dettagli: “I tre uomini mi hanno domandato: ‘Le piacerebbe guadagnare più soldi signorina?’. Io ho detto: ‘A chi non piacerebbe?’. E loro: ‘Noi vorremmo che faccia amicizia con gli ospiti dell’hotel: commercianti, uomini di affari, ministri. Porti loro il gelato, la frutta, e chieda il motivo del loro viaggio in Ungheria”. La diva del porno ammette però quali rischi comportava il lavoro da spia comunista: “Dopo un po’ ho lasciato perché era diventata una cosa molto pericolosa, ho visto che mi seguivano”. “Ecco, ha avuto paura di morire in quel periodo?”, domanda il conduttore. La pornodiva risponde: “Sì, ho avuto paura che mi ammazzassero”.

La Confessione” (programma di Loft Produzioni per Discovery Italia) è disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play). Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 145 e Tivùsat Canale 9.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Accordi&Disaccordi: “L’Italia è un paese di destra?”, mercoledì 20 giugno in diretta su Nove alle 22.45 ne discutono Paragone, Ravetto, Richetti

prev
Articolo Successivo

Belve, Alda D’Eusanio : “Le intercettazioni con Craxi? Per i calunniatori ero quella che faceva i soffoconi a Bettino”

next