“Nella questione della migrazione non sono in gioco solo numeri, bensì persone, con la loro storia, la loro cultura, i loro sentimenti e le loro aspirazioni. Queste persone, che sono nostri fratelli e sorelle, hanno bisogno di una protezione continua, indipendentemente dal loro status migratorio. I loro diritti fondamentali e la loro dignità devono essere protetti e difesi”.

Mentre la nave Aquarius con 629 persone a bordo è ancora in mare, Papa Francesco torna sul tema migranti. Lo fa in un messaggio inviato ai partecipanti al “II Colloquio Santa Sede-Messico sulla migrazione internazionale”, promosso dalla Segreteria per i Rapporti con gli Stati della Segreteria di Stato e dall’Ambasciata del Messico presso la Santa Sede, con la collaborazione della Pontificia Accademia delle Scienze e della Sezione migranti e rifugiati del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale. Parole che arrivano a pochi giorni dal tweet del cardinale e presidente del Pontificio Consiglio della Cultura Gianfranco Ravasi, che aveva citato un versetto dal Vangelo di Matteo (“Ero straniero e non mi avete accolto (Mt 25,43) #Aquarius”) proprio in relazione alla nave di Sos Mediterranée, in attesa di un porto dove attraccare nel Mediterraneo.

Bergoglio, nel suo messaggio, sottolinea ancora una volta che diritti e dignità dei migranti devono essere sempre tutelati e difesi, abbattendo il muro di una “complicità comoda e muta”. Nella gestione del problema dei migranti “occorre cambiamento di mentalità: passare dal considerare l’altro come una minaccia alla nostra comodità allo stimarlo come qualcuno che con la sua esperienza di vita e i suoi valori può apportare molto e contribuire alla ricchezza della nostra società”. Per il Papa “un’attenzione speciale va riservata ai migranti bambini, alle loro famiglie, a quanti sono vittime delle reti del traffico di esseri umani e a quelli che sono sfollati a causa di conflitti, disastri naturali e persecuzioni. Tutti costoro – sottolinea Bergoglio – sperano che abbiamo il coraggio di abbattere il muro di quella complicità comoda e muta che aggrava la loro situazione di abbandono e che poniamo su di loro la nostra attenzione, la nostra compassione e la nostra dedizione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, nave Usa senza celle frigorifere a bordo: salva 40 superstiti ma scarica in mare 12 corpi. Ora non sa dove attraccare

next
Articolo Successivo

Caporalato, immigrati sfruttati: due arresti a Trapani. L’intercettazione: “Ti do 30 euro per 9 ore e il panino”

next