Dodici corpi, lasciati andare alla deriva nel Mediterraneo, perché la nave della marina Usa Trenton non dispone di celle frigorifere necessarie per farsene carico per periodi prolungati. E la Sea Watch 3,  che l’ha assistita, non è potuta intervenire a causa dell’assenza di un porto sicuro dove attraccare. “Non ci sono salme a bordo della Trenton – conferma a Repubblica.it l’ufficio delle pubbliche relazioni della Us Navy – l’equipaggio continua a prendersi cura delle 40 persone soccorse. Ci stiamo coordinando con i nostri partner internazionali per decidere la destinazione delle persone a bordo”. Una situazione che rischia di diventare un nuovo caso Aquarius.

È iniziato tutto martedì mattina, quando un gommone carico di migranti è naufragato a 20 miglia dalle coste libiche. Per la prima volta è intervenuta a soccorrerlo una nave della Us Navy, la “Ico Usns Trenton”, che è riuscita a salvare 40 persone e a recuperare 12 corpi senza vita. A quel punto l’imbarcazione ha chiesto aiuto all’ong Sea Watch, che con la sua Sea Watch 3 è  “l’unico mezzo di soccorso civile – si legge in un comunicato – rimasto al momento nel Mediterraneo Centrale”. L’intervento è stato immediato e ai superstiti sono stati forniti cibo e coperte. Ma dopo che la centrale operativa di Roma ha informato le due navi “di non essere coinvolta né di coordinare il caso in questione e di non essere dunque nella posizione di assegnare un porto sicuro in Italia”, Sea Watch 3 non ha potuto effettuare il trasbordo dei migranti.

La nave dell’ong ha chiarito infatti agli americani “di essere pronta e disponibile a fornire l’assistenza richiesta e procedere al trasbordo, a condizione che le fosse assegnato un porto di sbarco ragionevolmente vicino, nel range di 340 miglia/36 ore di navigazione, perché sia logisticamente raggiungibile dalla Sea Watch 3”. Il rischio è che si ripeta la stessa situazione di Aquarius che “comporterebbe la permanenza dei naufraghi a bordo per tempi indefiniti e l’impossibilità per Sea Watch, da un punto di vista tecnico-logistico, di essere ingaggiata in una simile rotta”.

Per questo, dopo due giorni trascorsi (invano) in attesa di istruzioni da Roma la Trenton è stata costretta ad abbandonare i corpi dei 12 migranti deceduti. Una decisione diventata necessaria a causa dell’assenza a bordo di celle frigorifere idonee al loro trasporto per lunghi periodi di tempo. Poi si è allontanata, come riferisce all’Ansa Federica Mameli, una collaboratrice della Sea Watch. “Noi ci siamo avvicinati alla loro posizione, loro ci sono venuti incontro e per 24 ore siamo rimasti così – ha spiegato – Eravamo disposti al trasbordo ma volevamo prima che ci fosse assegnato un porto sicuro, ragionevolmente vicino. Ciò non è avvenuto e quindi ieri sera la nave americana si è allontanata e noi abbiamo perso il contatto“.

“È inaccettabile che persone che sono state letteralmente raccolte dall’acqua, che hanno visto i loro amici annegare, siano bloccate in mare senza un porto pronto ad accoglierle. La disputa sulla distribuzione dei richiedenti asilo non deve essere condotta a spese delle persone in difficoltà in mare”. È l’appello lanciato dal presidente di Sea-Watch Johannes Bayer e dalla portavoce dell’ong in Italia Giorgia Linardi. Non sono valse a nulla nemmeno le sollecitazioni della nave americana. “Siamo ancora in attesa di istruzioni, – si legge poi nel comunicato di Sea Watch – poiché finora nessuno Stato si è assunto le proprie responsabilità”. In ballo ci sono 40 persone che necessitano di essere assistite: “È disumano trattenerle in mare più del necessario per via di un dibattito politico che sta decimando la presenza delle navi delle ong, in mare con la chiara missione di salvare vite. Mentre un enorme dispiegamento di forze è impiegato per effettuare lo sbarco delle persone rimaste bloccate su Aquarius, si assiste a un’acuta e voluta mancanza di mezzi in un tratto di mare che è considerato il confine più letale al mondo, dove le persone continuano a morire. Il naufragio di ieri, infatti, dimostra una preoccupante mancanza di capacità di salvataggio in mare ed è evidente che, in assenza di vie sicure e legali verso l’Europa, simili tragedie continueranno a verificarsi”.

“Le navi non governative – si legge sempre nel comunicato di Sea Watch – si sono assunte la responsabilità delle attività di ricerca e salvataggio cercando di colmare un vuoto istituzionale. Per contro, sono diventate il capro espiatorio del governo italiano, che cerca di esercitare pressione sul resto dell’Ue affinché condivida la responsabilità nei confronti delle persone soccorse nel Mediterraneo Centrale nell’ambito delle riforme delle politiche migratorie, compresa quella del regolamento Dublino III”.