“Il Paese più in torto con noi è la Francia che si era impegnata a prendere 9816 persone immigrate dall’Italia. Se n’è prese 640. Faccio quindi un appello al presidente Macron, che dice che gli italiani sono brutti e cattivi e Salvini è vomitevole. Sono le parole pronunciate a Otto e Mezzo (La7) dal ministro dell’Interno, Matteo Salvini, a seguito delle dichiarazioni del presidente francese Macron e del suo partito, En Marche. E continua: “Emmanuel, se hai il cuore così d’oro, domani ti diamo le generalità di più di 9mila immigrati che ti eri impegnato ad accogliere in Francia. Visto che ci danno lezione, i francesi si meritino questa lezione”. Il leader della Lega si esprime sulle Ong: “Le navi non potranno arrivare tutte in Italia. Delle navi delle Ong in giro nel Mediterraneo non ce n’è una di associazione italiana o con bandiera italiana: sono tutte spagnole, tedesche, olandesi. Sono finanziate da Paesi stranieri, battono bandiera straniera, hanno equipaggi stranieri. Non si capisce in base a che cosa devono arrivare tutte in Italia. Abbiano richiamato altri Paesi europei alla cooperazione, alla solidarietà e alla protezione delle frontiere esterne. E a voce alta, ma garbata, abbiamo detto che l’Italia non può essere il campo profughi d’Europa. In queste ore” – continua – “ho sentito il ministro francese, quello tedesco, quello ungherese, quello austriaco. Mi hanno detto che abbiamo ragione e gli ho risposto che non basta, perché c’è bisogno di aiuto. Ci vuole la solidarietà europea. Noi siamo tra i più generosi e tra quelli che spendono di più in Europa. Il mio giudizio da ministro, da italiano e da papà è che non possiamo permetterci il lusso di essere quelli che fanno di più e che spendono di più perché ci sono 4 milioni di italiani in difficoltà”. E aggiunge: “Se l’Europa esiste, faccia il piacere di darci un mano. Il presidente francese ci dà lezioni. Al ministro dell’Interno francese ho detto che non mi sembra garbato dare al governo, a Salvini e quindi agli italiani del popolo ‘vomitevole’. Alla frontiera tra Italia e Francia dal 1 gennaio 2018 i francesi, buoni solidali e simpatici, hanno respinto più di 10mila immigrati, compresi bambini, donne incinte e disabili. La Francia ospita meno della metà dei richiedenti asilo che ospita l’Italia. E” – prosegue – “spende per ogni richiedente asilo 10 euro in meno rispetto a quello che spende l’Italia. I 5 miliardi di euro che sono a bilancio quest’anno sono troppi. Penso che sia giusto arrivare al livello dei francesi e tedeschi, e cioè tagliare questi 35 euro spesi per ogni migranti. Due euro vanno al richiedente asilo, ma il resto va alle cooperative che si arricchiscono. E siccome mi dicono che lo fanno per generosità, sono sicuro che accoglieranno anche se prenderanno 10 euro in meno a testa”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migliore (Pd) vs Fidanza (FdI): “Chi alimenta la xenofobia è responsabile morale della morte di Sacko”

next
Articolo Successivo

Aquarius, Salvini: “Spagna? Difende le frontiere sparando, io non lo farei mai. Alla Libia porto taniche di benzina in spalla”

next