“Meno male che c’è qualcuno che non dice no. Quando si dice no bisogna prendersi le responsabilità di questo no. L’Italia è stata lasciata sola e questa è la vergogna dell’Europa. Sono stati molti di più quelli che hanno chiuso, rispetto a quelli che hanno aperto. Quando si è soli ad aprire la porta, possono succedere tante cose. La responsabilità credo sia dell’Europa. Quando c’è l’Unione Europea, l’unione fa la forza, non la debolezza”. Commenta così Liliana Segre, senatrice a vita, la gestione del caso Aquarius da parte del governo Lega-M5s.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Aquarius, Di Maio risponde alle critiche di Macron: “Italia cinica? Proprio loro parlano…”

prev
Articolo Successivo

Immigrazione: a chi mi etichetta come un 5stelle critico, rispondo così

next