“Io guardando i numeri ho detto che ci arrivano persone perbene e persone meno per bene qualcuno in Tunisia si è offeso, sbagliano”. Matteo Salvini prova con i cronisti, dopo un comizio a Fiumicino, a smorzare la polemica che sfiora l’incidente diplomatico con la Tunisia sul temi dei migranti. E sull’omicidio del giovani immigrato sindacalista nella Piana di Gioia Tauro, il ministro dell’Interno afferma: “Quello che è successo è grave. Non si risolve nessun problema sparando, ci sono delle indagini in corso alla fine delle quali voglio sapere i nomi delle bestie che hanno compiuto questo gesto, ma l’immigrazione fuori controllo, porta inevitabilmente allo scontro sociale e cercheremo di riportare le legalità in Calabria ed in Italia”.

Poi Salvini torna sulle infelici affermazioni dell’immigrazione proveniente dalla Tunisia, proprio nel giorno in cui su di un barcone hanno trovato la morte 46 migranti: “io non ho detto che chiunque venga dalla Tunisia sia un galeotto, ho detto che la Tunisia esporta anche galeotti, ma detto questo il mio obiettivo e lavorare più e meglio con il governo tunisino, perché è il Paese con cui funziona meglio l’accordo di riammissione”. Ma poi il ministro Salvini preferisce allontanarsi e non rispondere sulla promessa elettorale dei diecimila rimpatri al mese.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Governo Conte, Di Maio propone incentivi per le auto elettriche. Ecco perché ha ragione

prev
Articolo Successivo

Flat tax, Salvini conferma la linea di Bagnai: “Il cronoprogramma? Pace fiscale, imprese e dal prossimo anno anche le famiglie”

next