Serata annullata ed un cartello con una richiesta: “Lasciateci la libertà di ballare“. E’ quanto accaduto ieri al Peter Pan, storico locale nel Parco Lambro, alla periferia est di Milano, la cui gestione è stata affidata, con un bando vinto nel 2014, all’associazione Saman. L’obiettivo dell’assegnazione era promuovere progetti culturali, ad esempio iniziative per bambini e anziani o favorire il reinserimento lavorativo di giovani in difficoltà, e far rivivere quello che i soci definiscono “il parco dimenticato“. Nel 2016, l’associazione conosce il circuito Vitamina, giovani milanesi che promuovono attraverso serate ed eventi la musica elettronica. Un successo, fin dalla prima festa cui partecipano 400 persone, che sancisce l’inizio di una “frequentazione” che però infastidisce i residenti. Così il Comune di Milano invia una diffida al Peter Pan dal continuare ad organizzare serate simili perché “non conformi al progetto presentato” scatenando la delusione degli organizzatori: “È difficile far rivivere un posto non frequentato, soprattutto se ci vengono messi i bastoni tra le ruote”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Vaticano e fotografia, l’arte torna a essere su commissione. E non c’è niente di male

prev
Articolo Successivo

Redenzione, il realismo libertario di Paco Ignacio Taibo II

next